Rottame: in Turchia confermato un prezzo tra i 495 e i 500 $/t CFR

mercoledì, 07 luglio 2021 16:15:37 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Dopo la conclusione di uno scambio di rottame tra Finlandia e Turchia al prezzo di 500 $/t CFR, sono state registrate diverse nuove transazioni riguardanti materiale proveniente da Stati Uniti e Paesi Baltici. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, ieri 6 luglio un'acciaieria della regione turca di Marmara ha ordinato dell'HMS I/II 80:20 al prezzo di 496 $/t e del frantumato a 514 $/t CFR. Inoltre, un'acciaieria di Iskenderun ha ordinato sempre dagli USA dell'HMS I/II 80:20 a 498 $/t CFR, con spedizione ad agosto. Sono circolate anche indiscrezioni riguardo a un altro acquisto di materiale statunitense da parte di un'acciaieria di Izmir. In questo caso, 30.000 tonnellate di HMS I/II 80:20 sarebbero state acquistate al prezzo di 498 $/t CFR. Il precedente scambio tra USA e Turchia, risalente al 30 giugno, era stato caratterizzato da un prezzo di 497 $/t CFR Turchia.

Nel frattempo, è emerso anche il rumor di una seconda transazione relativa a rottame proveniente dalla Finlandia: un'acciaieria di Iskenderun avrebbe acquistato 20.000 tonnellate di HMS I/II 80:20 a 496 $/t CFR, con spedizione ad agosto.

Il prezzo dell'HMS I/II 80:20 è rimasto dunque nel range dei 495-500 $/t CFR Turchia. Le acciaierie turche sono state finora riluttanti ad accettare prezzi più alti, mentre i fornitori non hanno voluto abbassare le offerte. Il risultato è che attualmente il mercato si trova in un delicato equilibrio. Nonostante gli scambi siano cresciuti a partire da ieri, diversi operatori sono ancora pessimisti riguardo all'andamento dei prezzi, poiché prevedono che le acciaierie turche nel corso di questo mese ordineranno meno di quanto previsto. Bisogna inoltre ricordare che gli operatori turchi osserveranno le festività del 15 luglio e della settimana del 19-23 luglio. Alcune fonti sono rimaste sorprese dalla relativa debolezza delle attività, poiché si aspettavano molte più transazioni nei primi giorni di luglio per le spedizioni di agosto. 

Nel frattempo, scarseggia la domanda relativa al rottame proveniente dai paesi vicini. Si registrano offerte dalla Romania e dai paesi dell'Est Adriatico, tuttavia i prezzi sono considerati troppo alti. Il livello dei prezzi praticabili ammonta ancora a circa 450-455 $/t CFR Turchia nel caso dell'HMS I/II 80:20, tuttavia finora non sono stati registrati scambi nella fascia alta del range. Una situazione analoga si osserva nel caso del rottame offerto dai fornitori ciprioti e israeliani. 


Articolo precedente

Turchia, prezzi locali del rottame in rapido aumento

02 dic | Rottame e materie prime

Rottame, mercato locale italiano stabile per ora

02 dic | Rottame e materie prime

Regole più severe sulla spedizione dei rifiuti, EUROFER chiede un monitoraggio più forte per i paesi OCSE

02 dic | Notizie

Stati Uniti, rottame: inversione di rotta per le previsioni sui prezzi

02 dic | Rottame e materie prime

Turchia, import rottame: mercato in rapida crescita, superati i 370 $/t CFR

01 dic | Rottame e materie prime

Vietnam: in aumento i prezzi dl rottame d’importazione, la domanda inizia a migliorare

01 dic | Rottame e materie prime

Rottame, scambio franco Baltico chiuso a 366 $/t CFR Turchia

30 nov | Rottame e materie prime

India, importazioni di rottame inattive a causa dell'aumento dei prezzi e del rallentamento del mercato del tondo

30 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame da cantieristica navale in aumento più marcato

30 nov | Rottame e materie prime

Germania, forte calo nel mercato locale del rottame

30 nov | Rottame e materie prime