USA: prezzi dei coils sempre in salita

lunedì, 02 agosto 2021 12:24:55 (GMT+3)   |   San Diego
       

Anche la scorsa settimana, i prezzi dei coils negli Stati Uniti hanno registrato un aumento rispetto ai sette giorni precedenti e molte delle fonti intervistate da SteelOrbis si interrogano sulla durata di questo trend rialzista iniziato quasi un anno fa.

In base ai dati in possesso di SteelOrbis, nell'ultima settimana i prezzi dei coils laminati a caldo (HRC) sono cresciuti nuovamente, passando da 1.984-2.072 $/t a 2.006-2.072 $/t FOB acciaieria.

I prezzi dei coils laminati a freddo (CRC), invece, si sono rivelati stabili: 2.205-2.249 $/t FOB acciaieria.

«Difficile dire se si tratti di una situazione temporanea o se siamo vicini a un’inversione di rotta» ha commentato una fonte, la quale ha aggiunto che le previsioni su quando i prezzi degli HRC raggiungeranno il picco sono decisamente discordanti. Secondo alcuni, il prezzo oltrepasserà i 2.094 $/t, per altri arriverà anche oltre i 2.205 $/t. Insomma, «rimane un mistero».

Un altro fattore da tenere in considerazione per prevedere l’andamento dei coils potrebbe essere il tonnellaggio importato. Ad esempio, da uno studio preliminare del Dipartimento del Commercio statunitense è emerso che a giugno il paese ha importato 310.865 tonnellate di HRC, un aumento di quasi 100.000 t rispetto a maggio, quando le importazioni si erano attestate a 210.159 t. Per le importazioni di CRC, i dati preliminari indicano un aumento del 20% in termini congiunturali: ovvero da 112.229 t a maggio a 134.535 t a giugno.

Secondo i trader intervistati da SteelOrbis, il volume delle importazioni a luglio e ad agosto sarà anche maggiore.

Non bisogna dimenticare l’influenza del tanto atteso calo dei prezzi del rottame, previsto per il prossimo mese. La scorsa settimana, diversi player di mercato parlavano di un abbassamento di 20-30 $/t per i prezzi di HMS, P&S e frantumato. Quindici giorni fa, un operatore del mercato del rottame aveva spiegato a SteelOrbis che le acciaierie – che stanno registrando utili record – non avrebbero potuto abbassare i prezzi d'acquisto del rottame senza ridurre quelli dei prodotti finiti.

D’altra parte, la domanda d'acciaio è ancora alta, nei mercati spot l’offerta scarseggia e i buyer dicono di avere difficoltà ad approvvigionarsi dei materiali nelle quantità necessarie.

«Capire l’andamento del mercato e prevederne gli sviluppi ora non è semplice – ha spiegato una fonte –, i prezzi sono in salita da un anno e nessuno se lo aspettava. A questo punto, non credo ci sia qualcuno in grado di dire quando si fermerà questa folle corsa».


Articolo precedente

Stati Uniti: coils a caldo e a freddo “per lo più stabili” su base settimanale

03 ott | Piani e bramme

Giappone: in calo l’export di acciaio nel periodo gennaio-agosto

03 ott | Notizie

Cina, coils a freddo: deboli i prezzi export

22 set | Piani e bramme

Cina, coils a caldo: produzione in crescita nel periodo gennaio-agosto

21 set | Notizie

Laminati a caldo, Romania: prezzi perlopiù stabili

20 set | Piani e bramme

ArcelorMittal riconsidera le offerte di coils in Europa

19 set | Piani e bramme

Cina, export coils a freddo: i prezzi salgono, ma prevale ancora un cauto ottimismo

14 set | Piani e bramme

Cina: scorte dei principali acciai finiti in calo a inizio settembre

14 set | Notizie

Cina: scorte dei principali prodotti finiti in calo a fine agosto

06 set | Notizie

Coils laminati a freddo, Cina: prezzi export nuovamente in calo

31 ago | Piani e bramme