India: per gli esportatori la revoca degli sconti fiscali in Cina rappresenta un'opportunità

venerdì, 04 giugno 2021 16:06:39 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Dopo l'annuncio da parte del Ministero delle Finanze cinese della revoca dello sconto fiscale sulle esportazioni di diversi prodotti siderurgici, gli operatori di mercato hanno tenuto d'occhio i possibili effetti di tale decisione. Per quanto riguarda il mercato indiano, l'idea più diffusa è che la mossa della Cina possa rappresentare un'opportunità per gli esportatori indiani di aumentare sia i prezzi sia i volumi di vendita. 

Secondo gli addetti ai lavori, la revoca dello sconto del 13% sulle tariffe all'export porterà a un restringimento dei flussi di coils a caldo (HRC) nei mercati internazionali e ridurrà le forniture nei mercati asiatici e del Golfo Persico. Sul fronte dei prezzi, le fonti stimano che gli HRC cinesi vedranno un aumento di almeno il 2 o 3 percento.

La revoca da parte della Cina degli sconti fiscali sulle esportazioni di 146 prodotti siderurgici e la soppressione del dazio all'importazione di semilavorati, ghisa e rottame rappresentano sviluppi positivi per le aziende siderurgiche indiane. L'eliminazione degli incentivi da parte farà aumentare i prezzi dell'acciaio a livello globale e fornirà alle società siderurgiche indiane spazio sufficiente per aumentare i prezzi, anche se il calo della domanda continua ad essere fonte di preoccupazione. 

Una nuova tendenza sta già emergendo nel mercato indiano, come evidenziato dal fatto che le acciaierie locali hanno aumentato aggressivamente i prezzi degli HRC due volte durante il mese di maggio, facendo leva sui prezzi elevati in Cina e nonché sull'aumento del prezzo del materiale importato.

In data 1 maggio, il prezzo degli HRC indiani era superiore a quello degli HRC cinesi, ovvero pari a 950 $/ton. Allo stesso tempo, i margini di profitto delle acciaierie erano inferiori in India a fronte di un prezzo di 900 $/ton. Di conseguenza, le acciaierie indiane sarebbero in grado di vendere grandi volumi di acciaio sui mercati di esportazione e di rimanere comunque altamente profittevoli. 

Le attuali offerte dalla Cina per HRC SS400 si attestano a 939 $/ton FOB Tientsin. Sono cresciute di quasi 34 $/ton rispetto a una settimana fa e ciò potrebbe essere dovuto all'eliminazione del rimborso della tassa sull'export di HRC. Poiché la Cina è un'importante fonte di materiali siderurgici, in particolare nell'Asia meridionale, nel Sud-est asiatico e in altre aree limitrofe, il rialzo dell'offerte dovrebbe causare un ulteriore aumento dei prezzi dei prodotti piani a livello globale. 

Ciò a sua volta dovrebbe comportare un aumento dei profitti per gli esportatori indiani di HRC, coils a freddo (CRC) e prodotti rivestiti. Si prevede un aumento dell'ordine di 25-30 $/t per le offerte indiane di HRC con spedizione a giugno. È probabile che le esportazioni dell'India verso l'Asia occidentale godano di margini di profitto relativamente più elevati e determinino un aumento dei prezzi all'export per i CRC.


Articolo precedente

Laminati a caldo, Romania: prezzi perlopiù stabili

20 set | Piani e bramme

Coils a caldo: la Turchia tenta di aumentare i prezzi, acquirenti scettici

06 lug | Piani e bramme

Romania, prezzi dei prodotti piani ancora in ribasso

01 lug | Piani e bramme

Turchia: i coils a caldo trascinano al ribasso i prezzi di rivestiti e coils a freddo

29 giu | Piani e bramme

UE, adeguamenti delle quote per alcuni paesi

28 giu | Notizie

Turchia, piani: i prezzi delle acciaierie scendono ancora

27 giu | Piani e bramme

Coils: prezzi sempre più giù in Turchia

23 mag | Piani e bramme

Taiwan: prezzi dei prodotti piani – settimana 20

19 mag | Piani e bramme

Taiwan: prezzi dei prodotti piani – settimana 19

12 mag | Piani e bramme

Cina: Baosteel abbassa di 15 $/t i prezzi dei coils a caldo

11 mag | Piani e bramme