Turchia, billette: prezzi locali e import in calo, ma aspettative non del tutto negative

giovedì, 19 gennaio 2023 17:27:36 (GMT+3)   |   Istanbul
       

L’andamento dei prezzi delle billette nella regione del Mar Nero/Azov e in particolare in Turchia, principale destinazione di importazione, ha subito un’inversione di tendenza questa settimana, contrariamente al sentiment positivo riscontrato nei mercati asiatici e del Consiglio di cooperazione del Golfo. I prezzi praticabili delle billette russe e del Donbass sono diminuiti in Turchia, analogamente alla situazione del mercato interno turco. L’ammorbidimento dei prezzi del rottame e la precedente attività di rifornimento di billette sono tra i fattori chiave. Tuttavia, la maggior parte degli operatori di mercato ritiene che la flessione sia temporanea e che i prezzi non scenderanno bruscamente nel breve periodo, soprattutto grazie alla situazione positiva in Asia e ad alcuni miglioramenti stagionali previsti nei mercati del tondo.

Attualmente, i prezzi più bassi praticabili per le billette d’importazione si sono attestati sui 560-565 $/t CFR Turchia, registrando un calo di circa 20 $/t nell’ultima settimana. In particolare, secondo le fonti, un’acciaieria russa ha appena prenotato un totale di 10.000 tonnellate a 560-565 $/t CFR nord della Turchia. Secondo quanto risulta a SteelOrbis, livelli simili sarebbero praticabili per le billette provenienti dal Donbass. «Questo è il livello per il materiale critico, la Russia non sanzionata è più alta» ha affermato un importante trader. Le indicazioni più recenti del grande laminatoio russo non sottoposto a sanzioni si sono attestate sui 590-595 $/t CFR, in calo di circa 10 $/t nel corso della settimana.

Il prezzo di riferimento di SteelOrbis per le billette provenienti dalla Russia si è assestato sui 530-560 $/t FOB Mar Nero, in calo di 15 $/t in media rispetto alla scorsa settimana. Il prezzo di scambio nelle principali destinazioni si è avvicinato alla fascia inferiore del range sopra menzionato, mentre la maggior parte delle grandi acciaierie ha continuato a insistere per ottenere offerte nella fascia superiore. «È già diventato impossibile vendere a 580 $/t CFR [Turchia], anche a 560 $/t CFR [530 $/t FOB] non è così facile vendere» ha dichiarato un trader di billette dalla Russia. La maggior parte degli esportatori russi offre per la spedizione di marzo e quindi non ha fretta di abbassare i prezzi ai livelli richiesti dagli acquirenti nella maggior parte dei casi, anche se potrebbero essere fatte delle eccezioni se alcune acciaierie hanno bisogno di prenotare.

Le offerte di billette non russe sono ancora presenti, ma la maggior parte di esse non è considerata praticabile. Le offerte provenienti dal Consiglio di cooperazione del Golfo e dall’Asia sono in aumento e sono ora stimate a un minimo di 620 $/t CFR, mentre l’ultimo accordo è stato concluso a un prezzo leggermente superiore a 600 $/t CFR la scorsa settimana. Un carico dall’Algeria è stato offerto a 595 $/t CFR, in calo di 15 $/t rispetto alla scorsa settimana, ma non è stato segnalato alcun accordo. Secondo le fonti, i fornitori iraniani hanno offerto carichi di billette a 600 $/t CPT per Karabuk e a circa 580-590 $/t CPT per la regione di Iskenderun.

Sul mercato locale turco, Kardemir ha annunciato vendite di billette a 635-640 $/t franco produttore, a seconda della qualità dell’acciaio e, secondo quanto segnalto sul mercato, è stata in grado di commerciare fino a 20.000 tonnellate finora. Nella regione di Iskenderun, un lotto di 6.000 tonnellate è stato venduto a 640 $/t franco produttore, con un calo di 15 $/t nell’ultima settimana. In realtà, ci sono voci che parlano di uno scambio ancora più basso nella stessa area. Nella regione di Marmara, il prezzo più basso della billetta è stato sentito ultimamente a 630 $/t CPT.

Poiché il sentiment del mercato globale delle billette è stato prevalentemente positivo e il mercato turco è uno dei pochi mercati in cui i prezzi delle billette sono stati corretti al ribasso seguendo l’andamento dei prezzi del rottame, non ci si aspetta un ulteriore rapido calo dei prezzi delle billette d’importazione. «Il mercato tende al rialzo» ha affermato un trader europeo. «In Turchia abbiamo assistito solo a una correzione dei prezzi. Forse ci potrebbe essere qualche altro accordo a prezzi inferiori dall’Europa o dal Canada, ma non credo che gli Stati Uniti andranno in questa direzione».

Un trader turco ha aggiungo: «In generale, i prezzi delle billette si stanno stabilendo, solo in Turchia abbiamo assistito a un calo dovuto principalmente ai rottami e ai problemi di vendita dell’acciaio finito».


Articolo precedente

India, billette: prezzi stabili, i venditori sperano ancora in un miglioramento

24 apr | Lunghi e billette

ASEAN, semilavorati: acciaierie in attesa di un ulteriore rafforzamento del mercato

23 apr | Lunghi e billette

India, RINL indice una gara per l'esportazione di 30.000 tonnellate di billette con spedizione a inizio giugno

22 apr | Lunghi e billette

Sudest asiatico, billette: i prezzi import non riescono a migliorare, la domanda è focalizzata sulle posizioni dei ...

19 apr | Lunghi e billette

Rottame: i prezzi dall’Europa in Turchia rimangono buoni, ma il mercato è ancora silenzioso

19 apr | Rottame e materie prime

India, billette: prezzi in miglioramento, commercio limitato dalla crescita del mercato nazionale

18 apr | Lunghi e billette

Iran, billette: si indeboliscono i prezzi export

18 apr | Lunghi e billette

Billette: allocazione dal Mar Nero ancora limitata, Egitto e Turchia potrebbero essere promettenti materiale asiatico

18 apr | Lunghi e billette

Billette: aumentano i prezzi delle trattative dall’ASEAN con una Cina più forte e una domanda soprattutto dai paesi MENA

16 apr | Lunghi e billette

ASEAN, billette: prezzi negoziabili in lieve aumento, ancora cautela dagli acquirenti

11 apr | Lunghi e billette