Tondo, la svalutazione della lira ferma le esportazioni turche

venerdì, 22 ottobre 2021 10:06:20 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Gli esportatori turchi non hanno fretta di fissare nuovi prezzi per i prodotti lunghi a causa sia del clima di incertezza per la situazione finanziaria in Turchia sia della svalutazione della lira turca rispetto al dollaro statunitense. L'aumento dei costi di nolo è un problema di vecchia data anche per le possibili transazioni di tondo, in particolare verso i mercati dell'Estremo Oriente, mentre la domanda proveniente dai paesi vicini è ritenuta insufficiente.

All'inizio di questa settimana, i prezzi del tondo esportato dalla Turchia si sono attestati a 740-750 $/t FOB, rispetto ai 735-750 $/t FOB visti in precedenza. Nella maggior parte dei casi, si è trattato di ordini con spedizione a dicembre; le offerte con spedizione a fine novembre sono  ormai limitate. Secondo le fonti di SteelOrbis, le acciaierie turche sono riuscite a vendere piccoli carichi di tondo in Israele e Somalia, anche se al momento della pubblicazione non sono disponibili ulteriori dettagli. In Israele la vendita, ancora da confermare, sarebbe avvenuta a 740 $/t FOB, prezzo che rientra nella fascia citata in precedenza. Alcuni produttori hanno smesso temporaneamente di offrire tondo in attesa di capire i trend nel mercato dell’import di rottame e le opportunità nel mercato domestico.

A proposito del mercato interno, la maggior parte delle offerte da parte delle acciaierie nelle regioni di Izmir e Marmara il 19 ottobre si attestava a 740-750 $/t franco produttore, 10 $/t in più rispetto alla scorsa settimana. Ieri, 21 ottobre, la Banca centrale turca ha tagliato i tassi di interesse dal 18 al 16%. Di conseguenza, il mercato si aspetta un ulteriore indebolimento della lira e la maggior parte delle industrie, tra cui Icdas A.S, ha chiuso le offerte di tondo per ora. All'inizio di questa settimana, uno stabilimento della regione di Izmir ha venduto 8.000-10.000 tonnellate di tondo a 730 $/t franco produttore, mentre alcuni stabilimenti della regione di Marmara sono riusciti a vendere piccoli carichi a 750 $/t franco produttore.

Nel segmento delle esportazioni di vergella, il prezzo di alcuni produttori turchi si è attestato a 850 $/t FOB, stabile su base settimanale, mentre altri player hanno iniziato a testare gli 890 $/t FOB con spedizione a gennaio. Per le prossime settimane, si prevedono revisioni di prezzo dei prodotti lunghi da parte delle acciaierie turche in base alle fluttuazioni valutarie e a come la situazione finanziaria del paese influirà sul commercio interno.


Articolo precedente

Acciai lunghi, Turchia: prezzi export in aumento sulla scia del rottame

30 nov | Lunghi e billette

Italia: ancora in calo i prezzi dei lunghi, la concorrenza export rimane forte

25 nov | Lunghi e billette

Turchia: prezzi export del tondo in rialzo, vendite più vivaci

24 nov | Lunghi e billette

Romania: tagli alle offerte al dettaglio di tondo e vergella, pochi scambi

24 nov | Lunghi e billette

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

24 nov | Notizie

Cina, barre di acciaio: export in forte aumento a ottobre

21 nov | Notizie

Vergella, molte offerte import in Europa

18 nov | Lunghi e billette

Cina, tondo: produzione in calo nel periodo gennaio-ottobre

18 nov | Notizie

Romania, prodotti lunghi: prezzi locali stabili nonostante la pressione al ribasso dell’import

17 nov | Lunghi e billette

Bulgaria, prezzi degli acciai lunghi in forte calo a causa della bassa domanda e delle importazioni competitive

17 nov | Lunghi e billette