Turchia: a luglio crescono produzione e import di acciaio, cala l'export

giovedì, 03 settembre 2020 10:08:52 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A luglio di quest'anno la produzione turca di acciaio grezzo è cresciuta del 7,5% su base annua, ammontando a 3,1 milioni di tonnellate. 

Nel periodo gennaio-luglio l'output è calato tuttavia del 2,4%, ammontando a 19,4 milioni di tonnellate. I dati sono stati raccolti e diffusi dall'associazione dei produttori siderurgici turchi (TCUD).

Nei primi sette mesi dell'anno il consumo di acciai finiti è cresciuto del 10,4% a 16,1 milioni di tonnellate, mentre nel solo mese di luglio è incrementato del 20,2% a 2,7 milioni di tonnellate.

Nel mese di luglio, l'export turco di acciaio è ammontato a 1,9 milioni di tonnellate (-1,6%), mentre in valore si è attestato a 1,3 miliardi di dollari (-8,7%). Sempre l'export nei primi sette mesi del 2020 è ammontato a 11,8 milioni di tonnellate (-9,9%), mentre in valore ha raggiunto 8,1 milioni di dollari (-15,8%).

Venendo all'import, nel mese di luglio la Turchia ha ricevuto 1,2 milioni di tonnellate (-17,4%) di acciaio, pari a un valore di 792 milioni di dollari (-11,1%). Le importazioni turche nei primi sette mesi dell'anno sono ammontate a 7,7 milioni di tonnellate (+11,6%), mentre il loro valore è stato di 5,6 milioni di dollari (-4,1%).

Secondo la TCUD, diversi fattori negativi a livello globale sono stati la causa del calo delle esportazioni da parte della Turchia e, al contempo, del continuo aumento delle importazioni nel paese. L'export turco verso l'UE è diminuito del 21% nei primi sette mesi del 2020 per effetto delle misure di salvaguardia, mentre l'export verso gli USA è aumentato del 145% grazie alla riduzione dei dazi doganali (passati al 25%). Nello stesso periodo la quota delle importazioni nel consumo di acciaio della Turchia è stata del 52%, mentre il tasso di utilizzo della capacità è rimasto al 67%. L'associazione dei produttori turchi di acciaio ha affermato che, data la capacità inutilizzata, l'aumento dell'import è da considerarsi «inaccettabile» per l'economia turca. Si stima che le esportazioni turche verso l'UE si fermeranno, poiché gran parte delle quote imposte dalla salvaguardia sono state esaurite. Il rapporto tra esportazioni e importazioni, sempre secondo le stime, è diminuito notevolmente ad agosto, rispetto al 162% registrato nel mese di luglio. Nonostante gli aspetti negativi appena menzionati, nella seconda metà dell'anno l'industria siderurgica turca secondo la TCUD continuerà a crescere grazie all'aumento del consumo interno. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nei primi otto mesi del 2020

Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nei primi otto mesi del 2020

Coking coal, importazioni in forte crescita in Turchia ad agosto

Vergella, prima spedizione in Brasile per Kardemir

Turchia: export di vergella in calo nei primi otto mesi dell'anno