Liberty House, dall'Antitrust UE via libera all'acquisizione degli impianti ArcelorMittal

giovedì, 18 aprile 2019 10:07:14 (GMT+3)   |   Brescia
       

L'Antitrust UE ha dato finalmente il via libera all'acquisizione da parte di Liberty House di alcuni asset europei di ArcelorMittal, facenti parte del pacchetto di cessioni che la multinazionale dell'acciaio aveva concordato con la Commissione Europea durante l'indagine UE sul rischio concentrazione legato all'operazione Ilva. 

Questi includono le acciaierie in Romania (Galati) e Repubblica Ceca (Ostrava), gli impianti in Italia della Magona (Piombino) e quelli in Belgio (Flemalle, Tilleur), Lussemburgo (Dudelange) e Macedonia del Nord (Skopje). 

In seguito al via libera, Liberty ha annunciato l'intenzione di integrare la maggior parte delle attività siderurgiche, ingegneristiche e minerarie di Liberty in un'unica entità globale. L'attività consolidata comprenderà tutte le attività siderurgiche e ingegneristiche del Regno Unito, l'acciaieria integrata Liberty di Whyalla, in Australia, una serie di miniere di ferro e di carbone metallurgico di alta qualità e, una volta completata la transazione, i sette stabilimenti siderurgici europei acquisiti da ArcelorMittal. 

Il closing dell'operazione è ora atteso entro la fine di giugno 2019. Ciò farà di Liberty il terzo maggior produttore siderurgico in Europa.

"Siamo lieti - ha detto Sanjeev Gupta, presidente esecutivo di GFG Alliance - che l'UE abbia riconosciuto Liberty come acquirente idoneo per gli asset siderurgici europei. Questo ci renderà il terzo maggior produttore di acciaio in Europa. Siamo un gruppo ambizioso e determinato e continuiamo a oltrepassare i confini. L'unione delle nostre risorse siderurgiche internazionali integrate fa parte della nostra espansione voluta, strategica e sostenibile. Siamo ansiosi di sfruttare la catena di fornitura integrata dell'acciaio e delle miniere Liberty per creare ulteriore valore aggiunto".

In un'operazione a parte, Liberty House punta ad acquisire quattro centri servizi siderurgici situati ad Arcore, a Rieti, a Quarto Inferiore e a Graffignana, in Italia, da ArcelorMittal CLN Distribuzione Italia S.r.l.


Ultimi articoli collegati

Ex Ilva, possibili risorse dal piano europeo per l'idrogeno

Giuseppe Conte: acciaio imprescindibile, serve un piano strategico per l'Italia

Burelli (AST): interessati non solo Marcegaglia e Arvedi ma anche gruppi esteri

Germania: ThyssenKrupp Materials Services e Mantro lanciano joint venture per il riciclo

ORI Martin in partnership con Tenova affronta la crisi grazie alle tecnologie digitali