India: la carenza di carbone ostacola la produzione di ferro spugnoso

lunedì, 18 ottobre 2021 11:09:12 (GMT+3)   |   Calcutta
       

L'industria indiana del ferro spugnoso registrerà probabilmente una crescita negativa nel terzo trimestre dell'anno fiscale 2021/22 (ottobre-dicembre), poiché sul mercato locale persiste la carenza di carbone. Lo ha affermato oggi 18 ottobre l'Associazione indiana dei produttori di ferro spugnoso (SIMA).

«Se la carenza di carbone non si attenua, mi aspetto che nel terzo trimestre la crescita sarà negativa», ha dichiarato Deependra Kashiva, direttore esecutivo di SIMA.

Kashiva ha aggiunto che Coal India Limited (CIL), che è gestita dallo stato e che rappresenta oltre l'80% delle forniture nazionali, ha ricevuto ordine dal governo di rifornire soltanto le centrali termiche nell'attuale situazione di carenza di carburante. I produttori di ferro spugnoso e cemento al contrario non stanno ricevendo forniture di carbone. 

Le unità di ferro ridotto direttamente (DRI) gestiscono i loro impianti utilizzando le scorte di carbone esistenti e la loro produzione sta progressivamente diminuendo, ha spiegato SIMA. 

Secondo i dati del Ministero dell'acciaio, la produzione indiana di ferro spugnoso nel trimestre aprile-giugno dell'anno fiscale 2021/22 è aumentata del 70% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Secondo SIMA, la crescita è stata soltanto del 10% nel trimestre luglio-settembre, mentre nel trimestre successivo si registrerà un calo di produzione. 


Ultimi articoli collegati

Tata Steel produrrà il 50% di iron ore in più entro 5 anni

India: Tata Steel commissiona impianto di frantumazione e lavaggio del minerale

India, ArcelorMittal Nippon Steel Limited produrrà acciai speciali

JSW Limited aumenta la produzione a ottobre

Tata Steel BSL, approvata la fusione con Tata Steel