India, riavviate tre miniere per ridurre la carenza di minerale ferroso

lunedì, 22 febbraio 2021 13:58:41 (GMT+3)   |   Calcutta
       

In India la carenza di minerale di ferro dovrebbe diminuire a breve grazie al recente ripristino delle attività di almeno tre miniere. 

Secondo un dirigente dello stato dell'Orissa, la settimana scorsa l'Odisha Mining Corporation (OMC) ha riavviato la produzione delle miniere di Guali e Jiling-Langlota, che hanno riserve di minerale pari a 275 milioni di tonnellate. Il target annuo combinato delle due miniere, stimato dal governo in 12 milioni di tonnellate, dovrebbe ridurre in modo significativo il problema della carenza di materiale per gli impianti di ferro spugna e per le piccole acciaierie dell'Orissa. 

Nel frattempo, il produttore minerario NMDC (di proprietà dello stato indiano) ha riavviato le attività presso le miniere di Donimalai, nello stato meridionale del Karnataka, che porteranno sul mercato altri 7 milioni di tonnellate di materiale. 

R K Sharma, segretario generale della Federation of Indian Mineral Industries (FIMI), ha dichiarato che «la ripresa dell'attività estrattiva nelle miniere aumenterà l'offerta di minerale di ferro per la produzione di acciaio» e che «maggiori forniture porteranno ad un allentamento dei prezzi». 


Ultimi articoli collegati

HDG India: l'Europa frena sugli acquisti, il Golfo persico aspetta il calo dei prezzi

Tata Steel inaugura un impianto per la cattura del carbonio a Jamshedpur

India: produzione di acciaio grezzo di JSW a +5% ad agosto

India: JSPL approva raccolta fondi per pagare il debito ed espandere la capacità produttiva

Rourkela Steel Plant: record di produzione giornaliera di minerale