India: avviata indagine antidumping sulle importazioni di tubi ss inox cinesi

martedì, 14 settembre 2021 17:36:46 (GMT+3)   |   Calcutta
       

La direzione generale per i rimedi commerciali (DGTR) dell'India ha avviato un’indagine antidumping su tubi e tubolari in acciaio inossidabile e senza saldatura importati dalla Cina.

L’annuncio è stato dato oggi, 14 settembre, da un ufficiale governativo. L’indagine è partita dopo che alcune aziende indiane (tra cui Chandan Steel Limited, Tubaces Prakash India Limited e Welspun Specialty Solutions Limited) hanno denunciato alla DGTR i prezzi al di sotto della media di mercato praticati da alcuni produttori cinesi.

Secondo la nota diffusa dalle autorità governative, verranno presi in esame tubi e tubolari in acciaio inossidabile, non saldati e con diametro di massimo 6 pollici a prescindere dal processo di estrusione e dalla finitura (a freddo o a caldo). Saranno oggetto di esame anche i tubi importati come prodotti difettosi e di qualità più bassa.

La direzione generale per i rimedi commerciali ha dichiarato che, stando alle informazioni fornite dalle aziende indiane che hanno firmato la richiesta, il dumping avrebbe causato danni materiali alle industrie domestiche e che, pertanto, l’avvio di un’indagine sarebbe giustificato.


Ultimi articoli collegati

India: la carenza di carbone ostacola la produzione di ferro spugnoso

Crisi energetica, India: prevista impennata dei prezzi dei prodotti finiti

India: riesame dei dazi anti sussidi contro i piani in acciaio inox dalla Cina

Cina: prezzo del tondo a +4,1% a fine settembre

JSW Limited, produzione di acciaio grezzo in aumento in luglio-settembre