Coking coal, importazioni in calo in Turchia nel 2020

venerdì, 12 febbraio 2021 17:43:44 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di dicembre 2020 le importazioni di coking coal in Turchia sono aumentate del 39,3% su base mensile e del 27,6% su base annua, attestandosi a 567.481 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 63,94 milioni di dollari, registrando una crescita del 45,5% su base mensile e del 7,7% su base annua.

Ciononostante, nel corso del 2020 le stesse importazioni hanno registrato una flessione del 2,4%, ammontando a 5,47 milioni di tonnellate. In valore, l'import si è attestato a 640,65 milioni di dollari, registrando un calo del 36,3% rispetto al 2019.

Nel periodo in esame la Turchia ha importato 2,47 milioni di tonnellate di coking coal dagli USA. A seguire vi sono state le importazioni dal Canada, pari a 1,11 milioni di tonnellate.

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di coking coal per la Turchia.

Paese

Volume (t)

 

 

 

 

 

 

2020

2019

Variazione (%)

Dicembre 2020

Dicembre 2019

Variazione (%)

USA

2.466.529

1.325.358

86,10

79.861

175.337

-54,45

Canada

1.112.227

754.290

47,45

240.952

-

-

Australia

904.261

2.821.747

-67,95

155.162

251.445

-38,29

Russia

558.167

441.754

26,35

31.721

17.788

78,33

Colombia

353.041

264.078

33,69

59.785

-

-


Ultimi articoli collegati

Turchia: calo delle importazioni di rottame a gennaio rispetto a dicembre

Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nel 2020 

Turchia: importazioni di ghisa in calo nel 2020

Turchia, associazione produttori di acciaio: il 2021 sarà un anno migliore del precedente

Turchia: export di coils a caldo in calo nel 2020, Italia prima destinazione