Cina punta a una crescita del Pil di oltre il 6% nel 2021

venerdì, 05 marzo 2021 18:11:36 (GMT+3)   |   Shanghai
       

La Cina stima per il 2021 un Pil in crescita di oltre il 6% in un contesto inflattivo intorno al 3%. È quanto si legge nella relazione del premier Li Keqian pubblicata in occasione dell'apertura dei lavori annuali del Congresso nazionale del popolo. Nel 2020 il Pil è cresciuto soltanto del 2,3% a causa dell'impatto negativo della pandemia di coronavirus. 

L'economia cinese è stata l'unica grande al mondo ad espandersi lo scorso anno, aiutata dalle iniezioni di liquidità della banca centrale per sostenere le imprese, dalla spesa fiscale extra per le infrastrutture e dal rapido controllo dei focolai di COVID-19 a livello nazionale. 

Sun Guojun, analista dell’Ufficio Ricerche del Consiglio di Stato, ha dichiarato che lo sviluppo economico del paese si è ripreso gradualmente dal secondo trimestre del 2020 e che sarà mantenuto uno sviluppo costante per il 2021. 

Sempre nel 2021, la domanda di acciaio sarà influenzata positivamente dal costante aumento degli acquisti di beni come automobili e elettrodomestici. 


Ultimi articoli collegati

Minerale di ferro, crescono le importazioni cinesi nei primi tre mesi

Crescono le importazioni cinesi di acciaio in gennaio-marzo

Cina: in diminuzione le scorte dei cinque principali prodotti finiti 

Cina: forte crescita degli utili dei produttori siderurgici in gennaio-febbraio

Crescono le scorte di minerale ferroso nei porti cinesi