Auto, crescita "apparente" in Italia ad aprile

martedì, 04 maggio 2021 17:16:17 (GMT+3)   |   Brescia
       

Ad aprile il mercato dell'auto in Italia ha mostrato una crescita solo apparente su base annua. Secondo i dati diffusi oggi dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità, nel quarto mese di quest'anno sono state immatricolate 145.033 autovetture, contro le 4.295 unità registrate ad aprile 2020, che aveva chiuso a -97,5% a causa delle misure di confinamento anti-COVID. Rispetto ad aprile 2019, tuttavia, il dato evidenzia un calo del 17,1%. La situazione è peggiore di quanto traspare dalle statistiche se si considera che nel 2019 non erano in vigore incentivi per le autovetture con emissioni di CO2 da 61 a 135 gr/km. Le vendite di veicoli elettrici, pur in costante aumento, hanno ancora uno scarsissimo peso sulle vendite totali.

«Come già accaduto a marzo, anche ad aprile dell'anno in corso l'apparente crescita del mercato è in realtà frutto del confronto con l'aprile peggiore della storia, visto che nel 2020 le vendite erano risultate praticamente azzerate» ha affermato Paolo Scudieri, presidente di Anfia.

Nei primi quattro mesi dell'anno sono andate perse oltre 120.000 vetture, con 592.181 unità immatricolate, in calo del 16,9% rispetto allo stesso periodo del 2019.

La spinta degli incentivi prenotati prima dell'esaurimento dei fondi dovrebbe continuare nella prima metà di maggio. Poi, secondo il Centro Studi Promotor, per il mercato dell'auto si aprirà una crisi ben più severa di quella del primo quadrimestre di quest'anno che potrebbe portare il 2021 a chiudere il suo consuntivo anche molto al di sotto del catastrofico risultato del 2020 (1.381.646 auto vendute). 


Ultimi articoli collegati

CS Metal Europe distributore esclusivo per l'Italia degli acciai speciali Hitachi Metals

Italia: 350 milioni di euro in incentivi per l'automotive

AFV Beltrame Group pubblica il primo bilancio di sostenibilità

Immatricolazioni auto, nell'Ue rallenta la crescita a giugno

Istat: produzione industriale in calo a maggio da aprile