Assofermet Acciai in difesa dei distributori di acciaio inox contro eventuali misure di salvaguardia

martedì, 08 maggio 2018 11:51:06 (GMT+3)   |   Brescia
       

Misure precipitose, adottate sulla base della percezione di una possibile "invasione d'acciaio" a seguito dei dazi USA. È ciò che gli associati Assofermet del comparto degli acciai inox temono possa scaturire dall'inchiesta di salvaguardia lanciata dalla Commissione Europea a fine marzo. A dar voce alle loro preoccupazioni è Tommaso Sandrini, presidente di Assofermet Acciai, che ha inviato al commissario UE per il commercio Cecilia Malmström e a quello per la concorrenza Margrethe Vestager una lettera contenente una serie di osservazioni in merito alla stessa inchiesta. 
La missiva arriva a meno di un mese da quella, sempre a firma di Sandrini, spedita alla Direzione generale del Commercio e alla Direzione generale della Concorrenza della Commissione Europea per mettere in guarda dagli effetti di eventuali misure di salvaguardia, anche provvisorie, sul mercato dell'UE.

"A nostro parere - si legge nella lettera - avendo il mercato UE ritrovato i suoi equilibri dopo anni di crisi dei consumi e di imponenti delocalizzazioni, con conseguente spostamento al di fuori della UE dei mercati di assorbimento, un ulteriore e inatteso inasprimento/peggioramento negli scambi internazionali creerebbe non poco turbamento a tutte le aziende che sono riuscite a mantenersi in vita e metterebbe a dura prova un sistema di mercato, peraltro, ancora fragile". [...] A fronte dell'introduzione di future misure di salvaguardia commerciale, assisteremmo, con alta probabilità, ad un innalzamento immediato dei prezzi dell'acciaio inox sul mercato interno e ad una perdita assoluta di competitività per l'intero sistema industriale a valle della supply chain".  

Secondo Assofermet Acciai, inoltre, il prevedibile aumento del prezzo dell'inossidabile potrebbe innescare delocalizzazioni, mentre una minor reperibilità di acciaio inox in futuro arrecherebbe danni alla filiera in quanto "la produzione UE non è in grado di soddisfare completamente l'intero fabbisogno europeo". 

Infine, le ripercussioni sul sistema distributivo coinvolgerebbero anche fatturato, volumi di merce a magazzino, utili, livelli occupazionali e investimenti. 

Per questo, "Assofermet Acciai, Sezione Acciai Inossidabili, è convinta che l'introduzione e l'applicazione di dazi di salvaguardia o l'introduzione di quote, anche se di carattere provvisorio, comporterebbe un forte squilibrio e instabilità per l'intero mercato dell'Unione". [...]  La preoccupazione di Assofermet è rivolta soprattutto ai molteplici comparti industriali a valle che rappresentano l'ossatura strategica ed economica del nostro intero Paese e dell'Unione".  


Articolo precedente

Cina, INOX: prezzi in calo

11 giu | Piani e bramme

Cina, inox: prezzi export in calo per via delle diminuzioni dei future e dei prezzi locali

04 giu | Piani e bramme

Acerinox cessa la produzione nello stabilimento di Bahru in Malesia e riduce i turni in Spagna

31 mag | Notizie

Cina, export: stabili i prezzi dell’inox, in calo il nichel

28 mag | Piani e bramme

Cina, esportazioni di acciaio inox in crescita nel periodo gennaio-aprile

23 mag | Notizie

Turchia, POSCO Assan chiede misure di salvaguardia contro le importazioni di acciaio inossidabile a causa della ...

23 mag | Notizie

Cina, acciaio inox: prezzi export in aumento grazie alle politiche di stimolo del settore immobiliare

21 mag | Piani e bramme

UE: esaurite le quote di importazione della Turchia per vergella e profilati cavi

17 mag | Notizie

Cina, inox: prezzi stabili malgrado l’abbassamento del nichel

14 mag | Piani e bramme

Finlandia, Outokumpu contribuirà alla decarbonizzazione dell'industria alimentare e degli imballaggi

13 mag | Notizie