Turchia: pressioni ribassiste sui prezzi di esportazione della vergella

venerdì, 22 febbraio 2019 17:16:18 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Gli esportatori turchi di vergella hanno abbassato le proprie offerte nell'ultima settimana a fronte della minor domanda e del recente e significativo calo dei prezzi di importazione del rottame. 

I produttori turchi stanno continuando a registrare richieste da parte di quei mercati verso i quali solitamente vendono vegella in piccoli quantitativi, come Africa, America Latina e Israele. Ciononostante, stanno avendo difficoltà a compete con i fornitori ucraini nei mercati dell'Africa, dove i competitor godono di un vantaggio in termini logistici tale da permettere loro di offrire materiale ad una quindicina di dollari in meno. 
Dopo il calo dei prezzi import del rottame, i produttori turchi hanno abbassato di 10 dollari le loro offerte verso questi mercati, portandole a 520-540 $/t FOB. 

Intanto, le acciaierie turche continuano a riscontrare difficoltà nei loro principali mercati di esportazione, Stati Uniti e Unione Europea, a causa rispettivamente del dazio del 50% e delle quote di importazione. 

Dopo che un'acciaieria turca ha acquistato rottame ad un prezzo significativamente più basso rispetto ai precedenti livelli, si prevede che i compratori stranieri eserciteranno una pressione al ribasso sui prezzi della vergella turca.


Ultimi articoli collegati

Italia, commercio extra UE: esportazioni a +5,2% in gennaio-novembre

Import statunitense di acciaio in calo del 17,3% nel 2019

USA: mercato degli OCTG in lieve ribasso, negative le previsioni sul prezzo del petrolio

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana