Minerale di ferro, prezzi in calo in apertura di settimana

martedì, 03 luglio 2018 10:10:43 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Dopo aver fatto registrare un andamento altalenante la scorsa settimana, i prezzi del minerale australiano con un contenuto di ferro pari al 62% sono calati di 0,5 dollari ieri 2 luglio, aprendo la settimana corrente a quota 63,8-64,9 $/t CFR Cina.

All'inizio della scorta settimana, i prezzi erano cresciuti grazie ai rialzi dei future sul minerale ferroso e al calo delle scorte di minerale presso i porti. Gli aumenti sono continuati anche dopo gli annunci di dazi sulle importazioni di acciaio da parte del Canada e dell'UE. Ciononostante, mentre le scorte di minerale ai porti cinesi sono diminuite, le scorte di acciaio nel paese sono aumentate per la prima volta in quattordici settimane, segnalando la debolezza della domanda interna di acciaio. Nella giornata di mercoledì, le quotazioni del minerale hanno subito forti diminuzioni, tuttavia il trend ribassista è rallentato il giorno seguente. Infine, in chiusura di settimana, i prezzi hanno evidenziato una lieve ripresa, ma rispetto a sette giorni prima il loro calo è stato pari allo 0,8%. 

Nella stessa settimana, i prezzi globali del minerale di ferro hanno fatto registrare diversi andamenti a seconda della tipologia di materiale. I prezzi del minerale di ferro australiano con un contenuto di ferro pari al 62% sono rimasti al di sopra del "benchmark". Nel frattempo, la notizia che diverse imprese cinesi saranno costrette a rispettare 25 nuovi standard di emissione entro ottobre ha supportato il movimento rialzista dei prezzi del minerale di ferro d'alta qualità. 

Nel frattempo, è stato lanciato a Shanghai il China Pilot Free Trade Zone Iron Ore Index. Dopo l'apertura del trading dei future sul minerale al capitale estero, avvenuta lo scorso maggio sul Dalian Commodity Exchange (DCE), la Cina ha compiuto un secondo passo con l'obiettivo di essere più efficace nel mercato internazionale dell'iron ore. 

Nel prossimo periodo, l'aumento delle scorte e l'indebolimento della domanda di acciaio dovrebbero esercitare una pressione al ribasso sui prezzi delle materie prime in Cina. Di conseguenza, si prevede che i prezzi globali del minerale di ferro oscilleranno in funzione dell'andamento dei mercati dei future sul minerale di ferro e delle variazioni dei livelli delle scorte.


Ultimi articoli collegati

USA: export di barre laminate a caldo in flessione a dicembre

Billette CIS: cresce la domanda, ma anche la competizione

Minerale di ferro, prezzi al 14 febbraio

Prezzi degli zincati a caldo in rialzo negli Emirati Arabi

Turchia: Icdas alza ulteriormente il prezzo del tondo