Minerale di ferro, lo squilibrio tra domanda e offerta causa diminuzioni di prezzo

martedì, 20 agosto 2019 16:21:08 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La carenza di acquisti in Cina e l'ampia offerta da parte dei principali esportatori hanno spinto nuovamente verso il basso i prezzi del minerale ferroso oggi 20 agosto. Le quotazioni del fine ore australiano con un tenore di ferro del 62% hanno fatto registrare un calo di 0,5 $/t, posizionandosi a quota 88-88,5 $/t CFR. Allo stesso tempo, il prezzo del fine brasiliano con un contenuto di ferro del 65% è sceso di 0,5 $/t a 96,5 $/t CFR. 

Uno scambio relativo a 170.000 tonnellate di fine con tenore di Fe pari al 65% - materiale che già era stato consegnato in Cina - è stato chiuso oggi sul COREX a un prezzo pari alla somma tra l'index di settembre e 0,5 $/t. 

Secondo le fonti interpellate, il rallentamento della domanda e il calo dei prezzi dei future dovrebbero portare a un graduale indebolimento delle quotazioni del minerale di ferro nella seconda parte di questa settimana. 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo: rimbalzo delle offerte dalla Cina, che però perdono competitività       

Turchia: ulteriori aumenti di prezzo sul mercato del rottame

Coronavirus: aziende siderurgiche operative ma con misure di prevenzione

Importazioni statunitensi di laminati mercantili in aumento a dicembre

Taiwan: China Steel Corporation alza i prezzi per il secondo trimestre