Minerale di ferro, le misure restrittive cinesi indeboliscono ulteriormente i prezzi

giovedì, 31 ottobre 2019 11:14:27 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Le quotazioni del minerale ferroso hanno registrato un ulteriore declino a causa delle restrizioni alla produzione applicate a Tangshan in vigore da oggi 31 ottobre che determinano un’offerta maggiore alla domanda. I prezzi dei fine con un contenuto di ferro pari al 62% sono scesi di 1,6 $/t posizionandosi al livello di 85 $/t CFR, mentre il minerale brasiliano con un tenore di ferro del 65% è calato di 2 $/t a 92,2 $/t CFR.

Nel frattempo è stato concluso un acquisto di blended fine brasiliani con basso contenuto di allumina e il 62% di ferro ad un prezzo di 85,6 $/t CFR, con spedizione tra il 27 novembre e il 6 dicembre.

Il governo della città cinese di Tangshan ha comunicato le nuove misure restrittive: a partire da oggi 31 ottobre gli impianti di sinterizzazione e di pellettizzazione appartenenti alla categoria B e C dovranno fermare completamente la produzione ma nel caso in cui le misure d’emergenza superino questo intervallo di tempo, gli stessi impianti potranno essere riattivati al 50%. Le limitazioni alla produzione hanno esercitato pressione sulle quotazioni del minerale di ferro e al tempo stesso supportato quelle dell’acciaio in Cina. I prezzi spot sono aumentati di 10 RMB/t (1,4 $/t), mentre quelli dei future sul tondo sullo Shanghai Future Exchange hanno registrato un incremento di 34 RMB/t (4,8 $/t).

1 $ = 7,058 RMB


Ultimi articoli collegati

Minerale di ferro, prezzi al 29 settembre

Minerale di ferro, prezzi al 28 settembre

Minerale di ferro, prezzi al 25 settembre

Minerale di ferro, prezzi al 16 settembre

Minerale di ferro, prezzi al 7 settembre