Minerale di ferro, i prezzi superano i 100 dollari la tonnellata

lunedì, 04 febbraio 2019 17:34:14 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Dopo aver continuato a tendere al rialzo e aver raggiunto il livello più alto da marzo 2017, registrando un aumento complessivo dell'8,88% nella scorsa settimana, i prezzi del minerale australiano con un tenore di ferro del 62% non hanno evidenziato variazioni oggi 4 febbraio, aprendo la settimana corrente a quota 84,6-85,7 $/t CFR Cina.

In seguito al crollo della diga di Vale in Brasile, i prezzi internazionali del minerale ferroso hanno iniziato a crescere per via dei timori di un restringimento dell'offerta. Queste preoccupazioni sono cresciute dopo che Vale - che detiene una quota del 26% nella produzione globale di minerale - ha annunciato che ridurrà il proprio output complessivo del 10%. Il produttore minerario, che già tre anni fa aveva affrontato un altro enorme disastro, subirà forti sanzioni. Le autorità giudiziarie brasiliane hanno già congelato asset di Vale per un valore totale di 3 miliardi di dollari. Un'altra possibilità è che Vale perda le autorizzazioni ad estrarre e, in tal caso, si ritiene che i prezzi dell'iron ore continuerebbero a crescere per un lungo periodo. Queste circostanze, unite alla maggior domanda cinese di minerale ferroso d'alta qualità (dovuta alle misure ambientali adottate), potrebbe portare i prezzi del minerale a crescere ulteriormente nel prossimo periodo. L'iron ore con un contenuto di ferro pari al 65% ha già superato la soglia dei 100 $/t la scorsa settimana. 

I compratori cinesi, che hanno completato i rifornimenti di minerale prima delle festività di capodanno (2-10 febbraio), non sono attualmente responsabili del trend rialzista dei prezzi dell'iron ore. Seppur in possesso di elevate scorte di minerale, le acciaierie cinesi potrebbero riprendere gli acquisti qualora dovessero far fronte a una forte domanda di acciaio sul mercato interno. In tal caso, i prezzi globali del minerale di ferro probabilmente aumenterebbero ulteriormente senza alcuna interruzione. Inoltre, gli sdoganamenti in Cina hanno iniziato a richiedere più tempo e gli impiegati hanno rallentato il loro lavoro, con il risultato che più di 300 navi sono in ​​attesa di scaricare le loro merci nei porti cinesi, merci che consistono principalmente in minerale di ferro e carbone da coke. Questa situazione ha causato un rialzo del mercato cinese dei future sull'acciaio.

Con gli operatori cinesi assenti a causa delle festività, le attività di scambio dovrebbero restare deboli in Cina questa settimana. Nel frattempo, i prezzi del minerale di ferro dovrebbero muoversi in base alle notizie riguardanti il lato dell'offerta. 


Ultimi articoli collegati

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane

Coils a caldo, possibili sconti sui prezzi da parte dei produttori turchi per l'Italia

ArcelorMittal annuncia lo stato di forza maggiore in Francia