India, prezzo export del pellet stabile

venerdì, 08 luglio 2022 15:11:56 (GMT+3)   |   Calcutta
       

SteelOrbis ha appreso dai circoli commerciali e industriali che i prezzi del pellet dall'India sono rimasti stabili nell'ultima settimana, ma sono in gran parte considerati «irrilevanti» in quanto non ci sono né acquirenti né venditori attivi sul mercato.

Alcune fonti affermano che i prezzi del pellet sono rimasti invariati a 128-132 $/t CFR Cina ma gli acquirenti non hanno fatto offerte a causa del calo dei margini sulle vendite di acciaio in Cina e non sono inoltre sicuri che i produttori locali riescano consegnare assorbendo la recente tassa di esportazione del 50%.

Secondo le fonti, le stime disponibili indicano che le esportazioni indiane di pellet sono in costante calo da quando a fine maggio è stata imposta la tassa all'esportazione e stanno per arrestarsi del tutto. Stime non ufficiali indicano che le esportazioni sono scese a un livello di 60.000-70.000 tonnellate a giugno di quest'anno, mentre prima del dazio all'esportazione si attestavano in media a poco più di un milione di tonnellate al mese.

Almeno due fonti parlano di «condizioni di mercato scoraggianti» e hanno affermato che un produttore di pellet (branca di un'acciaieria con sede nell'Odisha) ha lanciato un'offerta export per 50.000 tonnellate di pellet di alta qualità con consegna a settembre, ma non ha ricevuto alcuna richiesta di prezzo. Secondo alcune voci non confermate, il prezzo fissato internamente era di 130 $/t CFR.

«I fondamentali sono molto deboli nei principali paesi consumatori. I margini sui prezzi dell'acciaio finito sono quasi a un livello critico in Cina. Ci sono forti pressioni dal lato dell'offerta del minerale di ferro e le acciaierie che devono affrontare un’erosione dei margini evitano i pellet più costosi», ha affermato un membro della Pellet Manufacturers' Association of India (PMAI).

«Ma nel caso dell'India, la tassa all'esportazione è stata la fine», ha continuato. «In altri due o tre mesi le spedizioni si azzereranno. I produttori di pellet non posso ridurre ulteriormente l'utilizzo della capacità. La chiusura degli impianti è ormai questione di mesi, come ha già fatto il produttore statale KIOCL Limited».


Articolo precedente

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Giappone, scendono le esportazioni di rottami nel 2022

27 gen | Notizie

Turchia, minerale di ferro: diminuisce l’import nel periodo gennaio-novembre

27 gen | Notizie

Rottame: in Turchia leggero aumento dei prezzi in un altro accordo dagli USA

26 gen | Rottame e materie prime

Stabile il mercato locale del rottame in Italia

26 gen | Rottame e materie prime

Turchia, ghisa: import in aumento nel periodo gennaio-novembre

26 gen | Notizie

Rottame: Turchia acquista rottame dall’UE a 407 $/t CFR, quotazioni deep sea ancora in aumento

26 gen | Rottame e materie prime

India, import rottame: attività in calo, scendono i prezzi

25 gen | Rottame e materie prime

Rottame statunitense: in aumento il numero di trattative in Turchia, i prezzi rimangono stabili

24 gen | Rottame e materie prime

Germania, in calo la produzione di acciaio nel 2022

24 gen | Notizie