Ghisa basica: le offerte di acquisto più aggressive arrivano dagli Usa

giovedì, 03 novembre 2022 10:24:24 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Questa settimana, un importante produttore di acciaio statunitense sembra essere diventato ancora più aggressivo nelle sue offerte di acquisto per la ghisa basica. In particolare, alcune fonti hanno riferito che il produttore è attualmente disposto a pagare circa 420-450 $/t CFR. «Nessuno offre a questo livello, esclusi i russi e i loro amici» ha dichiarato un trader internazionale. Inoltre, un carico di ghisa proveniente dalla Russia – etichettato come di origine turca – è ora disponibile per la prenotazione, sebbene non siano stati specificati ulteriori dettagli riguardo a questa offerta. I fornitori globali di ghisa di primo livello, a loro volta, hanno continuato a rifiutare offerte di acquisto a un livello così basso. «Il mercato è tranquillo» ha dichiarato un fornitore brasiliano di ghisa. «Tuttavia, chiediamo ancora 500 $/t FOB». Nel frattempo, un altro venditore brasiliano ha continuato a chiedere 530 $/t FOB, affermando che ha solo materiale per la spedizione di gennaio. Di conseguenza, la maggior parte delle fonti di mercato ritiene che, per quanto riguarda le offerte di acquisto aggressive da parte del produttore statunitense, si tratti solo di una manipolazione e dubita che gli sforzi dell’acquirente daranno risultati positivi. «È impossibile acquistare qualcosa di simile» ha dichiarato un importante distributore statunitense. «I prezzi negli Stati Uniti rimangono a 550 $/t CIF in questo momento».

Nel frattempo, le offerte della ghisa dalla regione del Donbass, il territorio temporaneamente occupato dalla Russia, sono state segnalate a 360 $/t FOB Mar Nero, per la spedizione di novembre. Si tratta di un prezzo superiore di almeno 20 $/t rispetto ai livelli espressi una o due settimane fa. Le offerte per ghisa dalla Russia prodotta da un’acciaieria non autorizzata sono state segnalate a 460 $/t CFR verso la Turchia alla fine della scorsa settimana. Le offerte di ghisa dal Vietnam sono state segnalate, invece, a 440-450 $/t FOB.

In un modo o nell’altro, gli addetti ai lavori sono rimasti ampiamente ribassisti sulle prospettive del mercato globale. «Da un lato, so che non ci sono molti carichi di rottame, ma dall’altro non posso credere che stia salendo» ha continuato un trader internazionale. «Il mercato dell’acciaio non è buono: non ci sono acciaierie tra gli acquirenti e il mercato della distribuzione non è sufficiente per quanto riguarda il volume».

«I segnali di ribasso sono chiari» ha dichiarato un altro trader internazionale. «Sono sicuro che i brasiliani accetteranno i livelli che sono praticabili per gli acquirenti, chiunque essi siano. Sono ansiosi di prenotare e passare ai volumi successivi».


Articolo precedente

Ucraina: ArcelorMittal Kryvyi Rih annuncia un aumento della produzione a gennaio

01 mar | Notizie

Brasile, ghisa: stabili i prezzi export in nuove operazioni, gli acquirenti statunitensi non riescono a ottenere ...

29 feb | Rottame e materie prime

Ucraina, ghisa: produzione in aumento a gennaio

29 feb | Notizie

Germania, acciaio grezzo: produzione in aumento a gennaio

27 feb | Notizie

Russia, ghisa: prezzi export sotto pressione a causa del rallentamento degli acquisti e delle deboli prospettive del ...

23 feb | Rottame e materie prime

Brasile, ghisa basica: commercio a livelli inferiori del previsto

23 feb | Rottame e materie prime

Metinvest, produzione di ghisa e acciaio grezzo in calo nel 2023

21 feb | Notizie

Turchia, importazioni di ghisa in calo nel 2023

20 feb | Notizie

Ghisa: gli acquirenti si aspettano un calo fino a 20 $/t a livello globale, attività minima a causa della resistenza ...

19 feb | Rottame e materie prime

Ghisa, Mar Nero: prezzi export relativamente stabili

09 feb | Rottame e materie prime