Brasile: trend ancora contrastanti nei prezzi del minerale di ferro

mercoledì, 06 novembre 2019 13:50:56 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Per la seconda settimana consecutiva, i prezzi del minerale ferroso in Brasile mostrano tendenze divergenti.

Il prezzo dei fini da sinterizzare con il 65% di ferro è sceso di 3 $/t a 91 $/t FOB. I prezzi del lump sono rimasti stabili a 103 $/t mentre quelli del pellet sono calati di 2 $/t a 127 $/t, condizioni CFR Cina.

Sul mercato interno i prezzi dello stesso materiale si attestano rispettivamente a 55 $/t, 68 $/t e 91 $/t franco partenza, tasse escluse. 

Nel mese di ottobre il Brasile ha esportato 28,40 milioni di tonnellate di minerale di ferro (pellet escluso), contro i 25,39 milioni di tonnellate di settembre. L’Asia è stata la destinazione principale (23,42 milioni di tonnellate, di cui 18,35 mln solo in Cina), seguita dall’Europa (3,0 mln) e dal Medio Oriente (1,85 mln). Piccoli quantitativi sono stati spediti anche in Sudamerica.

Sempre ad ottobre è stato esportato un totale di 2,77 milioni di tonnellate di pellet, contro gli 1,75 milioni di tonnellate del mese precedente. Principali destinazioni: Asia (1,69 mln), Medio Oriente (467.000 ton), USA (231.000 ton), Europa (212.400 ton) e altri paesi del Sudamerica.


Ultimi articoli collegati

Tribunale brasiliano ordina a Vale due sospensioni di attività

Minerale di ferro, Vale punta a un forte aumento della capacità produttiva

Vale, tribunale approva l'accordo sul pagamento dei danni ambientali

Brasile: tribunale concede a Vale maggiore tempo per difendersi

Vale ha 15 giorni per rispondere al congelamento beni