Turchia: debole la domanda di coils di importazione

giovedì, 01 agosto 2019 17:20:33 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La domanda di coils di importazione è rimasta debole in Turchia nell'ultima settimana. I compratori turchi hanno ricevuto offerte da paesi quali Corea del Sud, Vietnam, Giappone e Italia che hanno compensato la minor offerta da parte dei paesi CIS. Le fonti interpellate non prevedono alcuna ripresa della domanda nel breve termine a causa del periodo estivo. I prezzi allo stesso tempo potrebbero subire pressioni ribassiste dovute a un incremento dei volumi offerti. 

Attualmente le offerte provenienti dall'estero per la Turchia si attestano a 500-520 e a 565-590 $/t CFR, rispettivamente nel caso dei coils laminati a caldo (HRC) e nel caso dei coils a freddo (CRC). Nel frattempo, le offerte in arrivo dai paesi CIS sono cresciute in media di 7,5 $/t nell'ultima settimana, raggiungendo i 515-520 $/t CFR. 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo: rimbalzo delle offerte dalla Cina, che però perdono competitività       

Turchia: ulteriori aumenti di prezzo sul mercato del rottame

Coronavirus: aziende siderurgiche operative ma con misure di prevenzione

Importazioni statunitensi di laminati mercantili in aumento a dicembre

Taiwan: China Steel Corporation alza i prezzi per il secondo trimestre