Coils a caldo: esportatori russi assenti, l'Ucraina alza i prezzi

mercoledì, 15 luglio 2020 16:44:36 (GMT+3)   |   Istanbul
       

I fornitori russi di coils laminati a caldo (HRC) sono "sold out" per la produzione di agosto o risultano assenti dal mercato export. Nel frattempo le offerte da parte dell'Ucraina hanno fatto registrare rialzi sulla scia dell'aumento dei prezzi delle bramme e di un miglioramento della situazione nel segmento degli HRC (in particolare in Turchia). 

Tutti e tre i produttori russi sono al momento inattivi sul mercato export. NLMK di recente ha venduto 20.000-25.000 tonnellate di HRC in Turchia a 430 $/t CFR (o circa 415 $/t FOB), prezzo in linea cioè con i precedenti livelli. Severstal ha venduto le ultime 30.000 tonnellate nel Nord Europa a 435 $/t FOB mar Baltico, dopo aver alzato i prezzi rispetto ai precedenti 410-420 $/t FOB. Questa volta il produttore russo non ha avuto necessità di vendere anche altrove dal momento che la domanda sul mercato interno russo è rimasta forte. Per lo stesso motivo MMK è rimasto assente sull'export. Fonti di mercati si aspettano che piccoli volumi continueranno ad essere offerti per la produzione di fine agosto, ma molto dipenderà dal riavvio della mill 2500 di MMK, che attualmente è in programma per la prossima settimana. 

In conclusione, il proddutore ucraino Metinvest è l'unico esportatore dell'area CIS attualmente attivo sul mercato internazionale degli HRC. Il fornitore ha alzato le sue offerte di recente. Quelle rivolte alla Turchia sono passate dai 420 $/t CFR di inizio settimana al livello di 435 $/t CFR (circa 420 $/t FOB) per coils di piccole dimensioni. Metinvest al momento non sta offrendo coils di grosse dimensioni. 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, produttori russi quasi "sold out" per giugno

Metinvest, produzione di ghisa in crescita nel primo trimestre 

Ghisa, i produttori CIS riescono ad alzare i prezzi

Coils a caldo, in rialzo le offerte dai paesi CIS

Ghisa, i compratori internazionali riprendono ad acquistare