Turchia: gli esportatori di tondo abbassano i prezzi

lunedì, 15 aprile 2019 10:26:36 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La scorsa settimana i produttori turchi hanno ridotto i prezzi di esportazione del tondo per cemento armato di 15 dollari in media, portando le loro offerte al livello di 475-490 $/t FOB. Allo stesso tempo, alcuni di essi hanno cercato di mantenere un prezzo di 490-495 €/t, ma in generale dovrebbero accettare di chiudere vendite a 475 $/t FOB e perfino a prezzi inferiori nel caso di grossi ordini. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un'acciaieria turca ha chiuso una grossa vendita con destinazione Singapore a un prezzo di 478-480 $/t FOB. 

I compratori internazionali si aspettano un ulteriore calo dei prezzi a fronte sia della riduzione delle quotazioni del rottame sia della debolezza della domanda. 

Nel frattempo, non sono state registrate nuove vendite verso i paesi dell'UE dal momento che la quota della salvaguardia, aperta lo scorso 1° aprile, è andata esaurita il 9 aprile. Inoltre, i compratori stanno mantenendo un atteggiamento attendista rispetto alle quote che saranno in vigore da luglio. Intanto, non sono state registrate vendite di tondo turco nemmeno verso gli Stati Uniti. 

Sono proseguite invece le piccole vendite verso paesi come Israele, Yemen e paesi africani a un prezzo di 483-485 $/t FOB. 

Nonostante la confusione che si respira a livello globale a causa del calo dei prezzi del rottame unito all'aumento dei prezzi del minerale di ferro, i compratori di tondo si basano sulle quotazioni del rottame; di conseguenza, essi hanno sospeso gli acquisti al momento, poiché si aspettano che i prezzi del tondo seguiranno l'andamento della materia prima. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: quasi terminata la quota della salvaguardia UE per tondo e vergella

Turchia: Kardemir abbassa i prezzi di billette, tondo e vergella

Turchia: export di tondo in calo nei primi cinque mesi mesi dell'anno

Izmir Demir Çelik raddoppierà la sua capacità produttiva

Turchia: prezzi del tondo in lieve diminuzione, scambi insoddisfacenti