Turchia: domanda di tondo ancora scarsa a livello internazionale

lunedì, 18 marzo 2019 12:03:11 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La domanda di tondo turco risulta ancora debole a livello internazionale. Dopo aver alzato i prezzi la scorsa settimana a fronte del rincaro del rottame, le acciaierie turche hanno fatto molta fatica a chiudere vendite a prezzi tra i 490 e i 505 $/t FOB. Inoltre, le stesse acciaierie stanno facendo fronte a pressioni ribassiste da parte dei compratori dei pochissimi mercati target. Di conseguenza, la scorsa settimana hanno ridotto i prezzi di 5 dollari in media, portando le proprie offerte al livello di 485-500 $/t FOB. 

Nonostante i fornitori di rottame abbiano puntato a prezzi ancora più alti, le acciaierie turche non hanno accettato ulteriori aumenti. Non sono riuscite infatti a riflettere l'aumento dei prezzi del rottame in un incremento dei prezzi di vendita del tondo, pertanto i loro margini di profitto sono molto risicati. 

I produttori turchi hanno perso i loro principali mercati export, Stati Uniti e Unione Europea, a causa rispettivamente del dazio del 50% e delle quote di importazione, mentre hanno continuato a chiudere vendite in paesi quali Israele e Yemen. Secondo quanto appreso da SteelOrbis, le acciaierie turche stanno riscontrando una scarsa domanda in Africa, dove hanno chiuso piccole vendite a un prezzo di 485 $/t FOB, nonché a prezzi inferiori in funzione dei volumi richiesti. 


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione di acciaio grezzo in crescita nel 2019

Minerale di ferro in ripresa, cresce la domanda per il materiale di qualità

Tubi saldati, stabili le offerte turche ma con sconti su grossi volumi

India: il rafforzamento della rupia sostiene i prezzi degli zincati a caldo all'export

Rottame, significativo calo del prezzo nell'ultimo scambio USA-Turchia