Worldsteel: previsioni sulla domanda globale di acciaio nel 2018 e 2019

martedì, 16 ottobre 2018 11:53:33 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Durante il suo 52° meeting, in corso a Tokyo oggi e domani 17 ottobre, la World Steel Association (Worldsteel) ha rilasciato il proprio outlook a breve termine riguardante il 2018 e il 2019, secondo cui la domanda globale di acciaio registrerà una crescita del 3,9% a 1,66 miliardi di tonnellate nel 2018 (vedere la nota in basso riguardo ai dati sulla Cina), aumentando ulteriormente dell’1,4% a 1,68 miliardi di tonnellate nel 2019, dati su base annua.

Per quanto riguarda la Cina, nel 2018 la sua domanda di acciaio dovrebbe aumentare del 6,0% su base annua, ammontando a 781,0 milioni di tonnellate, per poi rimanere stabile nel 2019. Le dinamiche dei settori che utilizzano l'acciaio in Cina suggeriscono una crescita del 2,0% nel 2018 in termini reali. Perciò, la reale crescita globale della domanda di acciaio nel 2018 è del 2,1%. Worldsteel ha dichiarato che la differenza deriva da una sottostima dell'utilizzo dell'acciaio del 2017 che era stato fornito dai forni ad induzione illegali.

In Asia (Cina inclusa) e Oceania, la domanda di acciaio è prevista in aumento del 5,0% nel 2018 a 1,12 miliardi di tonnellate, mentre nel 2019 dovrebbe crescere ulteriormente dell'1,3% a 1,13 miliardi di tonnellate, variazioni su base annua.

Riguardo alle regioni principali, la domanda di acciaio nell’Unione Europea dovrebbe crescere del 2,2% nel 2018, attestandosi a 166,6 milioni di tonnellate, per poi aumentare ulteriormente dell’1,7% a 169,4 milioni di tonnellate nel 2019. In particolare, la domanda di acciaio in Germania è prevista in aumento dello 0,5% nel 2018 a 41,2 milioni di tonnellate e dell’1,7% a 41,9 milioni di tonnellate nel 2019. L’Italia registrerà una crescita del 3,8% nell’anno in corso a 25,6 milioni di tonnellate, e dell’1,0% nel 2019, a 25,9 milioni di tonnellate.

Per la regione del NAFTA nel 2018 si prevede una crescita dell’1,7% della domanda di acciaio, che si dovrebbe attestare a 143,2 milioni di tonnellate; nel 2019 la domanda dovrebbe aumentare ulteriormente dell’1,0% a 144,7 milioni di tonnellate. in Centro e Sud America, invece, è prevista una crescita del 3,4% a 43,2 milioni di tonnellate nel 2018, e del 4,3% a 45,1 milioni di tonnellate nel 2019.

Nell’area CIS, la domanda di acciaio è prevista in crescita dell'1,4% a 54,8 milioni di tonnellate nell'anno in corso e si prevede un aumento dello 0,9% nel 2019 a 55,3 milioni di tonnellate, sempre su base annua. La domanda di acciaio in Medio Oriente dovrebbe aumentare del 2,1% raggiungendo i 54,5 milioni di tonnellate nel 2018 e di un ulteriore 1,2% nel 2019, fino a raggiungere i 55,1 milioni di tonnellate.

Passando ai paesi dell'ASEAN-5 (Indonesia, Malesia, Filippine, Tailandia e Vietnam), la domanda dovrebbe aumentare del 3,8% nel 2018 a 73,7 milioni di tonnellate, per poi crescere ulteriormente del 6,2% nel 2019 a 78,3 milioni di tonnellate. La domanda di acciaio nella regione MENA aumenterà del 2,8% nel 2018 a 73,7 milioni di tonnellate, mentre nel 2019 aumenterà del 2,2% a 75,3 milioni di tonnellate, tutti i dati su base annua.


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran