Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nel 2020 

giovedì, 11 febbraio 2021 17:19:49 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di dicembre 2020 le importazioni di minerale di ferro in Turchia sono cresciute del 35,7% su base mensile e diminuite del 7,1% su base annua, attestandosi a 913.479 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 109,09 milioni di dollari, registrando incrementi del 26,4% su base mensile e dell’8,9% su base annua. 

In tutto il 2020, le stesse importazioni sono diminuite del 2,5%, ammontando a 9,87 milioni di tonnellate. In valore, l'import si è fermato a 1,05 miliardi di dollari, registrando un calo del 3,6% rispetto al 2019. 

Nel periodo in esame la Turchia ha importato 5,37 milioni di tonnellate di minerale di ferro dal Brasile, volume in calo del 4,08% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dalla Svezia e dalla Russia, rispettivamente pari a 2,14 milioni di tonnellate e 1,23 milioni di tonnellate. 

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di minerale di ferro per la Turchia. 

Paese

Volume (t)

 

 

 

 

 

 

2020

2019

Variazione (%)

Dicembre 2020

Dicembre 2019

Variazione (%)

Brasile

5.367.954

5.596.052

-4,08

509.332

576.822

-11,70

Svezia

2.135.435

1.346.454

58,60

164.982

-

-

Russia

1.229.602

573.652

114,35

62.418

30.200

106,68

Ucraina

599.437

512.914

16,87

154.159

45.900

235,86

Sudafrica

344.854

505.056

-31,72

-

-

-

Canada

172.943

999.849

-82,70

-

330.376

-


Ultimi articoli collegati

Turchia: calo delle importazioni di rottame a gennaio rispetto a dicembre

Turchia: la maggior parte delle acciaierie alza i prezzi d'acquisto del rottame

Turchia: Icdas alza i prezzi dei prodotti lunghi

Coking coal, importazioni in calo in Turchia nel 2020

Turchia: importazioni di ghisa in calo nel 2020