Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nei primi nove mesi del 2020

mercoledì, 18 novembre 2020 16:17:13 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di settembre di quest'anno le importazioni di minerale di ferro in Turchia sono calate del 9,4% su base mensile e del 6,7% su base annua, attestandosi a 723.383 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 81,28 milioni di dollari, registrando un calo dell’8,5% su base mensile e del 20,4% su base annua.  

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno, le stesse importazioni sono diminuite dell'8,3%, ammontando a 7,28 milioni di tonnellate. In valore, l'import ha raggiunto i 726,33 milioni di dollari, registrando un calo del 15,2% rispetto allo stesso periodo del 2019.  

Nel periodo in esame la Turchia ha importato 4,03 milioni di tonnellate di minerale di ferro dal Brasile, volume in calo del 5,06% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dalla Svezia e dalla Russia, rispettivamente pari a 1,48 milioni di tonnellate e 970.141 tonnellate.  

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di minerale di ferro per la Turchia nel periodo gennaio-settembre. 

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gen-set 2020 

Gen-set 2019 

Var. (%) 

Settembre 2020 

Settembre 2019 

Var. (%)

Brasile

4.028.029

4.242.598

-5,06

472.528

490.237

-3,61

Svezia

1.475.906

1.196.447

+23,36

-

-

-

Russia

970.141

411.145

+135,96

143.625

29.700

+383,59

Sudafrica

344.834

505.056

-31,72

-

-

-

Ucraina

284.866

377.907

-24,62

107.205

29.154

+267,72

Canada

172.943

669.473

-74,17

-

164.259

-


Ultimi articoli collegati

Germania: in crescita a ottobre il prezzo del minerale ferroso importato

Coking coal, importazioni in calo in Turchia a settembre

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nei primi nove mesi

Ucraina: export di minerale ferroso in aumento a ottobre

Rottame, crescono le importazioni in Turchia