Tribunale brasiliano respinge un ricorso di Vale sul disastro di Brumadinho

giovedì, 16 luglio 2020 14:39:32 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Il gruppo minerario Vale ha comunicato che un tribunale brasiliano ha respinto il ricorso dell'azienda contro il deposito di 7,9 miliardi di real brasiliani (1,4 miliardi di dollari) in contanti come garanzia sul crollo della diga di Brumadinho. Vale presenterà ricorso presso un tribunale di grado superiore. Il disastro di Brumadinho ha ucciso 270 persone.

Nel maggio di quest'anno, un tribunale aveva ordinato a Vale di depositare garanzie in contanti per un valore di 1,4 miliardi di dollari entro dieci giorni al fine di coprire eventuali sanzioni legate alle accuse di corruzione. Il mese successivo Vale era stata in grado di ottenere un'ingiunzione che l'aveva esonerata dal pagamento richiesto.

Tuttavia, più recentemente una nuova decisione del tribunale ha ripristinato l'ordinanza. A maggio i magistrati statali del Minas Gerais hanno sostenuto che il gruppo minerario ha utilizzato meccanismi di pressione, ritorsioni e ricompense allo scopo di corrompere il mercato della certificazione delle dighe. I procuratori hanno affermato che all'epoca Vale utilizzava questo sistema di corruzione assumendo società di consulenza e di revisione esterna per nascondere la grave instabilità delle dighe alle autorità ufficiali.


Ultimi articoli collegati

Minerale di ferro, Vale punta a un forte aumento della capacità produttiva

Vale chiude definitivamente un impianto di manganese

Vale, tribunale approva l'accordo sul pagamento dei danni ambientali

Brasile: tribunale concede a Vale maggiore tempo per difendersi

Vale ha 15 giorni per rispondere al congelamento beni