Tata Steel, possibile uscita dal business dell'acciaio nel Regno Unito in assenza dei sussidi governativi

lunedì, 17 ottobre 2022 17:25:32 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Secondo fonti del settore, l'indiana Tata Sons, la holding di Tata Steel, sta valutando la possibilità di uscire dall'attività siderurgica nel Regno Unito poiché le speranze di ricevere un sussidio di 1,5 miliardi di sterline dal governo del Regno Unito diminuiscono.

Tata Steel aveva chiesto sussidi fiscali al governo del Regno Unito per sostituire gli altiforni ad alte emissioni di carbonio con forni elettrici ad arco, ma non ha ricevuto risposta favorevole; secondo quanto riferito da fonti a conoscenza degli ultimi sviluppi, l’azienda sta valutando diverse opzioni per uscire dall'attività nel paese.

Sebbene non ci sia stato alcun commento ufficiale da parte della società, le fonti hanno affermato che le discussioni riguardo ai sussidi sono proseguite per oltre due anni, ma sembra che il governo britannico guidato da Liz Truss non sia disposto a offrire sostegno all'acciaieria Port Talbot di Tata Steel, che ha una capacità di 5 milioni di tonnellate all'anno.

Un portavoce di Tata Steel, tuttavia, ha affermato in una dichiarazione ai media che la società non è attualmente in trattative con alcun potenziale acquirente per lo stabilimento di Port Talbot.

Tata Steel sta cercando due tipi di sostegno dal governo del Regno Unito: in primo luogo per il passaggio alla produzione di acciaio verde e garantire allo stesso tempo la competitività dei costi, e, in secondo luogo, attraverso la partnership nel finanziamento di tali progetti.

Fonti del settore hanno stimato che una tale transizione per lo stabilimento di Port Talbot richiederebbe un nuovo investimento di circa 3 miliardi di sterline, ma senza l'aiuto finanziario del governo, il portafoglio aziendale del Regno Unito non giustificava di per sé un'infusione di fondi così grande da parte di Tata Steel.

In precedenza, il CEO di Tata Steel, T.V. Narendran, ha affermato in un'intervista ai media: «Date le sue attuali prestazioni, ci sono motivi per cui vale la pena continuare con la gestione dell'azienda, ma questo non giustifica l'investimento di spese in conto capitale così ingenti».


Articolo precedente

India: Tata Steel spenderà 1,2 miliardi di dollari all'anno per creare 1-2 milioni di tonnellate di nuova capacità ogni ...

08 gen | Notizie

Tata Steel: investimenti per 1,95 miliardi di dollari per attività nazionali e internazionali

20 giu | Notizie

Tata Steel, capex da 1 miliardo di dollari all'anno

29 giu | Notizie

Tata Steel approva l'espansione della capacità del progetto siderurgico di Kalinganagar

20 dic | Notizie

NSSMC: aperta ufficialmente la joint-venture indiana con Tata Steel

02 set | Notizie

Tata Steel apre il secondo centro servizi per l'industria aerospaziale cinese

08 nov | Notizie

Tata Steel Europe: nuovo centro servizi focalizzato sull'eolico offshore

18 set | Notizie

Tata Steel: 970 milioni di euro pronti per le sedi in Galles

16 apr | Notizie

Tata Steel: quasi pronti i forni ad arco per rifusione sottovuoto di Stocksbridge

27 ott | Notizie

Francia: Tata Steel Europe riapre il laminatoio di rotaie di Hayange

07 ott | Notizie