Italia: crollo delle immatricolazioni a marzo

venerdì, 03 aprile 2020 15:56:26 (GMT+3)   |   Brescia
       

Marzo è stato il primo mese in cui si è registrato appieno l'impatto dell'emergenza coronavirus sul mercato italiano dell'auto. Con sole 28.326 immatricolazioni il comparto ha registrato un crollo dell'85,4% su base annua secondo i dati sono del Ministero dei Trasporti.

L'andamento della domanda a marzo ha trascinato, di conseguenza, in ribasso i dati del primo trimestre. Le immatricolazioni sono state pari a 347.193 unità, facendo registrare un calo del 35,47% rispetto ai primi tre mesi del 2019.

Michele Crisci, presidente dell'Unrae, si è detto convinto che «La risoluzione in tempi non brevi della drammatica crisi sanitaria da COVID-19, con gli effetti che la chiusura avrà sull'economia, e il tracollo, senza precedenti nella sua dimensione e velocità, del mercato auto che abbiamo visto nelle scorse settimane lasciano presagire una pesantissima caduta del mercato auto nel 2020, che potrebbe chiudere, nel migliore dei casi, intorno a 1.300.000 unità, un terzo in meno rispetto al 2019». Secondo Crisci «l'impatto di un blocco di 2 o 3 mesi sarebbe comunque devastante per l’intero settore automotive in Italia e in particolare per la filiera della distribuzione e assistenza, con il concreto rischio di chiusura di numerose imprese del comparto».

«Unrae - conclude il numero uno dell’associazione delle case automobilistiche estere - chiede quindi al governo l’adozione di misure assolutamente improrogabili a sostegno di un settore che contribuisce al 10% del Pil e genera circa 80 miliardi di euro annui di gettito fiscale, al fine di evitare la crisi irrisolvibile di numerose imprese del comparto e scongiurare la perdita di migliaia di posti di lavoro. Tra i provvedimenti da adottare già in sede di decreto Cura Italia occorre intervenire immediatamente con misure di sostegno finanziario per proteggere la liquidità dei concessionari ed evitare il crollo dell’intero sistema».


Ultimi articoli collegati

UE: crollano le immatricolazioni di veicoli commerciali ad aprile

EUROFER, nuovo appello alla Commissione europea per la riduzione delle quote di salvaguardia

UE: ad aprile crollo delle immatricolazioni causa lockdown

Confcommercio: quasi 270mila imprese rischiano la chiusura definitiva

Praticamente azzerate le immatricolazioni in Italia ad aprile