Il settore minerario brasiliano sarà il primo a riprendersi dopo la pandemia

giovedì, 21 maggio 2020 16:19:00 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Flávio Penido, presidente dell'istituto minerario brasiliano (Ibram), ha affermato che il settore minerario locale sarà il primo a godere di una ripresa dopo la pandemia di coronavirus.

Penido ha affermato che il settore si riprenderà rapidamente, aggiungendo che ha una forte capacità installata di minerale di ferro che andrà soddisfare la crescente domanda cinese. Il presidente di Ibram ha affermato che il settore dovrebbe ripristinare le attività presso le miniere ora ferma a causa del COVID-19 e ha previsto che il paese produrrà circa 450 milioni di tonnellate di minerale «in pochi anni», con la maggior parte dei volumi forniti da Vale. 

Altri produttore chiave sono CSN Mineração, di proprietà di Companhia Siderurgica Nacional (CSN), MUSA, facente parte di Usminas, e Anglo American.


Ultimi articoli collegati

Severstal punta a nuovi mercati partendo dal Brasile, di recente la prima vendita a CSN

Vale: nessuna importante acquisizione in vista

Brasile: Brumadinho limita le attività delle aziende minerarie

Vale, il coronavirus mette a rischio la produzione di minerale

Vale investe nella sua linea ferroviaria di Carajas