Futuro ancora incerto per l'altoforno di ArcelorMittal Poland

venerdì, 11 settembre 2020 17:00:56 (GMT+3)   |   Istanbul
       

ArcelorMittal Poland ha dichiarato di non aver preso alcuna decisione in merito al riavvio dell'altoforno nel proprio stabilimento di Cracovia, riavvio che già era stato rinviato a causa delle incertezze dovute alla pandemia. La società ha smentito quanto dichiarato dal sindacato Sierpien 80, ovvero che lo stabilimento non riavvierà l'impianto. 

Secondo il sindacato, l'impianto sarà chiuso a causa della politica climatica dell'UE. I pagamenti per le emissioni di carbonio aumentano il costo della produzione di acciaio nell'UE, rendendo le società del continente scarsamente competitive rispetto all'import. 

ArcelorMittal Poland ha affermato che la fusione del ferro e la produzione di acciaio riprenderanno sicuramente, se fattibile dal punto di vista economico.

La società in precedenza aveva rinviato la riaccensione dell'altoforno alla seconda metà di marzo. L'altoforno è stato chiuso nel novembre 2019 a causa dell'aumento dei costi delle emissioni di carbonio, dell'aumento dei prezzi dell'energia e del calo della domanda. 


Ultimi articoli collegati

ArcelorMittal Kryviy Rih, produzione in calo nei primi nove mesi dell'anno

Severstal: in crescita produzione e vendite nel terzo trimestre

Zaporizhstal: produzione di ghisa in aumento, acciaio grezzo in diminuzione

ArcelorMittal punta alla carbon neutrality entro il 2050

Cleveland-Cliffs rileva gli asset di ArcelorMittal USA