Cina: export in difficoltà anche nel secondo semestre 2020 secondo il presidente CISA

martedì, 28 luglio 2020 15:12:20 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Shen Bin, presidente della China Iron and Steel Association (CISA) nonché presidente di Shagang Group, ha dichiarato che anche per la seconda meta dell'anno in corso non sarà facile in generale esportare prodotti siderurgici. La situazione varierà a seconda degli sviluppi della pandemia di coronavirus e le misure restrittive implementate nei vari paesi. La Cina, dopo lo scoppio della pandemia, ha intensificato l’export poiché la domanda nel mercato locale si è ridotta significativamente. Il paese del Dragone, nei mesi di marzo e aprile, ha esportato rispettivamente 6,476 milioni di tonnellate e 6,319 milioni di tonnellate di acciai finiti. Nei mesi di maggio e giugno, i volumi sono scesi a 4,401 milioni di tonnellate e 3,701 milioni di tonnellate rispettivamente a causa del calo dei prezzi dell’acciaio e della riduzione della domanda nei mercati esteri.

Il presidente della CISA ha esortato i produttori siderurgici cinesi ad aumentare lo sviluppo del mercato interno poiché la Cina ha emesso numerose politiche di stimolo al fine di stabilizzare lo sviluppo economico attraverso l'adeguamento della struttura dei prodotti, la riduzione dei costi e il miglioramento dell'efficienza produttiva.


Ultimi articoli collegati

Scorte di minerale ferroso in aumento nei porti cinesi

Cina: quasi stabili le importazioni di carbone e lignite nei primi otto mesi

L'import cinese di acciai finiti resta su livelli elevati

Cina: cala l'export di acciai finiti

Cina: export di fogli e lamiere in calo nei primi sette mesi del 2020