Turchia: export di tubi saldati ancora forte nonostante la svalutazione della lira

giovedì, 10 maggio 2018 11:46:21 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo fonti di mercato, nella scorsa settimana l’attività commerciale turca relativa alle esportazioni di tubi saldati è apparsa vivace e i compratori hanno incrementato i loro ordini. Allo stesso tempo, le quotazioni dei tubi saldati con destinazione export sono diminuite leggermente, sulla scia di una correzione ribassista dei prezzi nel mercato interno turco, dovuta a sua volta al calo dei prezzi locali dei coils laminati a caldo (HRC). Ciononostante, gli esportatori turchi sono contrari ad un’ulteriore diminuzione dei loro prezzi a causa dell’elevata domanda registrata nei mercati d’esportazione.

Rispetto ad una settimana fa, le offerte degli esportatori turchi di tubi ERW e tubolari strutturali con spessore di 2-4 mm, realizzati con coils a caldo di qualità S235 a norma EN 10219, hanno fatto registrare un calo di 20 $/t in corrispondenza dei massimi e di 10 $/t in corrispondenza dei minimi, posizionandosi a quota 680-710 $/t FOB.

Intanto, è continuata questa settimana la forte svalutazione della lira turca rispetto al dollaro americano. Con l’annuncio del presidente Trump dell’uscita degli USA dall’accordo sul nucleare con l’Iran e di nuove sanzioni contro il paese mediorientale, si è assistito ad un incremento della cautela sui mercati internazionali e le valute dei paesi in via di sviluppo hanno perso valore. In questa situazione, ieri 9 maggio la lira turca ha raggiunto il livello record di 4,37 punti contro il dollaro USA. Ciononostante, la volatilità del tasso di cambio non ha avuto un impatto significativo sul mercato d’esportazione dei tubi saldati e non ha smorzato la vivacità degli scambi.


Ultimi articoli collegati

Domanda di tubi saldati lieve in ripresa sul mercato turco

Tubi saldati, i produttori turchi abbassano i prezzi di 30 dollari

Turchia: dazio aggiuntivo sulle importazioni di alcuni prodotti in acciaio

Turchia: la domanda di tubi saldati resta forte

Turchia: avviata indagine sull'import di tubi inox dal Vietnam