Turchia: domanda di tubi saldati ancora insoddisfacente all'estero

giovedì, 17 gennaio 2019 11:00:15 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Le offerte provenienti dalla Turchia per i tubi ERW e i tubolari strutturali da 2-4 mm realizzati da coils a caldo S235 a norma EN 10219 si attestano attualmente a 560-580 $/t FOB, facendo registrare rispetto ad una settimana fa uncalo di 27,5 dollari in media. 

Nonostante gli esportatori turchi abbiano chiuso vendite in Europa, la domanda da essi rilevata nei mercati export non ha ancora raggiunto livelli soddisfacenti. La decisione della Commissione Europea al termine di un'indagine contro le importazioni da tre paesi, tra cui la Turchia, potrebbe avere un effetto retroattivo, in modo da includere il periodo di tre mesi precedente l'annuncio. Per questo motivo, le esportazioni di tubi saldati dalla Turchia verso l'Europa potrebbero diminuire nel prossimo periodo. Nel frattempo, i Paesi membri dell'UE hanno votato ieri 16 gennaio in favore delle misure di salvaguardia proposte dalla Commissione Europea. Di conseguenza, le importazioni di acciaio turco, inclusi tubi saldati e tubolari strutturali, saranno soggette a quote dal 4 febbraio 2019 fino a luglio 2021. 


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione di acciaio grezzo in crescita nel 2019

Minerale di ferro in ripresa, cresce la domanda per il materiale di qualità

Tubi saldati, stabili le offerte turche ma con sconti su grossi volumi

India: il rafforzamento della rupia sostiene i prezzi degli zincati a caldo all'export

Rottame, significativo calo del prezzo nell'ultimo scambio USA-Turchia