Turchia: cedimento dei prezzi export dei tubi saldati dinnanzi alla scarsa domanda

giovedì, 09 maggio 2019 09:43:18 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nonostante i prezzi dei coils a caldo (HRC) siano rimasti sostanzialmente stabili in Turchia, i prezzi dei tubi saldati provenienti dallo stesso paese sono diminuiti a causa delle pressioni dei compratori esteri. Pertanto, attualmente le offerte riguardanti tubi ERW e tubolari strutturali da 2-4 mm realizzati da coils a caldo S235 a norma EN 10219 si attestano a 580-600 $/t FOB. 

Nel frattempo, si attende ancora una decisione da parte della Commissione Europea in merito alla propria indagine antidumping sulle importazioni di tubolari strutturali provenienti da Turchia, Macedonia e Russia. Di conseguenza, i compratori europei sono ancora molto cauti negli acquisti. Intanto, anche i clienti mediorientali hanno ridotto gli ordini con l'inizio del Ramadan e, in generale, la domanda di tubi saldati risulta debole a livello globale. In queste condizioni, i fornitori turchi sono disponibili a chiudere scambi anche a prezzi al di sotto dei 580 $/t FOB per grandi volumi. 


Ultimi articoli collegati

Ucraina: il minerale di ferro esportato sfiora i 40 milioni di tonnellate nel 2019

Taranto, esplosioni nell'Acciaieria 2 di ArcelorMittal Italia

Cina: prezzi del ferromanganese sul mercato locale – settimana 4

Malaysia: dazio definitivo sulle importazioni di tondo da Singapore e Turchia

Gruppo cinese Cedar Holdings acquisisce Stemcor