Rottame USA: previsto un arretramento dei prezzi ad agosto

venerdì, 23 luglio 2021 17:48:48 (GMT+3)   |   San Diego
       

Negli Stati Uniti, nonostante i prezzi degli acciai finiti stiano continuando a crescere, numerose fonti ritengono che il mercato del rottame registrerà un indebolimento il prossimo mese. 

«Le esportazioni di rottame dalla East Coast sono praticamente ferme», ha sottolineato una fonte, aggiungendo che i prezzi nelle ultime vendite da parte di altri fornitori globali verso la Turchia sono diminuiti. «I flussi sono piuttosto buoni – ha spiegato – e, in assenza di attività di esportazione, penso che nessuno di noi sarà sorpreso se i prezzi si abbasseranno. D'altro canto, immagino che sia difficile per i commercianti di rottame accettare riduzioni di prezzo in un momento in cui quotazioni dei prodotti finiti stanno ancora crescendo».

Alcune fonti hanno evidenziato che i profitti delle acciaierie sono in continuo aumento. Recentemente, il produttore statunitense Nucor ha comunicato che le sue tre divisioni operative stanno «continuando a generare una forte redditività». Nel secondo trimestre l'utile ha raggiunto gli 1,51 miliardi di dollari, contro i 942,4 milioni del primo trimestre. Nucor prevede inoltre che gli utili del terzo trimestre saranno i più alti nella storia dell'azienda. 

«Abbiamo abbassato i prezzi di 10 $/t alla fine della scorsa settimana e nonostante ciò i volumi in ingresso sono rimasti buoni», ha affermato una fonte nell'area della East Coast. «Abbiamo in programma di abbassare ulteriormente i prezzi perché stiamo cercando di confermare il calo di 20 $/t previsto per il prossimo mese, ma bisogna vedere come saranno i flussi».

Un'altra fonte ha convenuto che le acciaierie spingeranno per un calo di 20 $/t ad agosto: «A prescindere dall'andamento del prezzo dei prodotti piani, se le acciaierie vedranno l'opportunità di abbassare i prezzi del rottame di 20-30 $/t, allora cercheranno di coglierla».

Infine, un operatore ha offerto un'opinione "fuori dal coro". «Qualsivoglia indebolimento dei prezzi del rottame – ha spiegato – causerebbe un immediato calo del valore dell'acciaio nelle nuove vendite, e questa è l'ultima cosa che le acciaierie vogliono. Penso che a malincuore opteranno per lasciare i prezzi invariati in modo da non dover dire ai loro clienti che stanno puntando esclusivamente ad aumentare i propri margini. Annunciare guadagni record e, allo stesso tempo, abbassare i prezzi del rottame potrebbe risultare inopportuno».


Articolo precedente

Turchia, rottame: prezzi import ancora in aumento, si rafforza il mood rialzista

28 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame “deep sea” in rialzo nell’ultimo scambio col Regno Unito

25 nov | Rottame e materie prime

Pakistan: inversione di tendenza per l’import di rottame, scambi ancora in calo

23 nov | Rottame e materie prime

India, rottame: prezzi import in calo, molta attività per anticipare l'inversione di tendenza

23 nov | Rottame e materie prime

Stati Uniti, rottame: previsti prezzi stabili o al ribasso per dicembre

23 nov | Rottame e materie prime

Rottame, Turchia: i prezzi franco Baltico resistono al trend ribassista, potrebbero portare a un aumento

21 nov | Rottame e materie prime

Pakistan: in aumento l’import di rottame a ottobre

21 nov | Notizie

India: modificate le tariffe su import ed export

21 nov | Notizie

Turchia, prezzi in calo nel mercato locale del rottame

18 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame franco USA in discesa a 339,5 $/t CFR

18 nov | Rottame e materie prime