Rottame, stabili i prezzi negli scambi tra Europa e Turchia

martedì, 20 ottobre 2020 10:42:55 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Restano invariati per il momento in Turchia i prezzi del rottame importato dall'UE. Secondo quanto appreso recentemente da SteelOrbis, in data 16 ottobre un produttore siderurgico della regione turca di Iskenderun ha ordinato 17.000 tonnellate di HMS I/II 80:20 e 6.000 tonnellate di bonus scrap in partenza da Amsterdam al prezzo di 283 $/t CFR FO Turchia. Pertanto, si stima per l'HMS I/II 80:20 un prezzo attorno ai 281 $/t CFR, mentre i precedenti scambi tra UE e Turchia erano stati caratterizzati da prezzi tra i 280 e i 284,5 $/t CFR. 

Diverse fonti hanno riferito che le acciaierie turche hanno chiuso numerosi acquisti di rottame europeo la scorsa settimana, soprattutto per materiale proveniente dal Regno Unito. Le stesse fonti prevedono che i prezzi del rottame europeo seguiranno quelli del materiale proveniente da Stati Uniti e regione baltica, che di recente hanno mostrato un trend rialzista. Allo stesso tempo, alcuni operatori sottolineano che nel mercato europeo i prezzi della materia prima sono rimasti stabili, altri che le aziende esportatrici stanno cercando di ridurre i prezzi domestici. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: acciaierie alzano i prezzi d'acquisto del rottame

Rottame, in Turchia prezzi ai massimi degli ultimi dieci anni

Rottame, il prezzo in Turchia sfiora i 500 $/t CFR

Turchia: la maggior parte delle acciaierie alza i prezzi d'acquisto del rottame

Rottame, uno scambio tra Belgio e Turchia spinge i prezzi verso l'alto