Rottame: nuovi scambi segnalano un ulteriore calo dei prezzi in Turchia

mercoledì, 04 agosto 2021 09:30:51 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Quattro nuovi scambi di rottame hanno segnalato nella serata di ieri un ulteriore ribasso dei prezzi in Turchia

In data 2 agosto un produttore siderurgico della regione turca di Marmara ha ordinato dagli Stati Uniti dell'HMS I/II a 464 $/t CFR nonché del frantumato e del bonus scrap a 479 $/t CFR, con imbarco a settembre. Secondo indiscrezioni lo stesso compratore avrebbe ordinato sempre dagli USA dell'HMS I/II 80:20, del frantumato e del bonus scrap ai prezzi di 463 $/t, 478 $/t e 478 $/t CFR, sempre con spedizione a settembre. Precedentemente, il prezzo dell'HMS I/II 80:20 statunitense era ammontato a 471 $/t CFR Turchia

La stessa acciaieria ha ordinato del materiale dalla Svezia all'inizio di questa settimana. L'ordine ha riguardato dell'HMS I/II 80:20 al prezzo di 464 $/t, del frantumato a 479 $/t e del bonus scrap a 479 $/t, tutti nel termine CFR e con spedizione a inizio settembre. 

Nel frattempo, è stato reso noto anche uno scambio più vecchio: un produttore di Izmir ha ordinato dell'HMS I/II 80:20 in partenza da San Pietroburgo a 471 $/t CFR. Tuttavia, il prezzo in questione è considerato ormai superato dal momento che alla fine della scorsa settimana MMK Metallurgy ha ordinato del materiale da San Pietroburgo a 469 $/t CFR. 

I fornitori statunitensi hanno affermato di avere pochi carichi per la spedizione nella prima metà di settembre, mentre altri hanno hanno detto addirittura che i compratori non dovrebbero aspettarsi molti lotti dagli USA per la seconda metà del mese. Nel frattempo, il governo russo ha concesso altri 30 giorni ai carichi che erano già passati in dogana con una dichiarazione entro la fine di luglio, pertanto questi non saranno soggetti al nuovo dazio all'esportazione. Fonti locali hanno riferito che il dazio viene pagato cash e che non tutti possono permetterselo.
Dopo le suddette transazioni, che hanno portato a quota 463-464 $/t CFR Turchia i prezzi del rottame proveniente da USA e Paesi Baltici, le stime relative all'HMS I/II 80:20 europeo si attestano a 455-460 $/t CFR, in lieve calo rispetto ai 460 $/t registrati nell'ultimo scambio confermato. Secondo la maggior parte degli operatori, i prezzi del rottame in Turchia sono vicini a toccare il fondo e la fine del trend discendente potrebbe arrivare con un livello di circa 450 $/t CFR. Ad ogni modo, molto dipenderà dall'andamento delle quotazioni dei prodotti finiti turchi. In Turchia i prezzi del tondo per cemento armato hanno continuato a calare nei primi girni di questa settimana e la maggior parte delle fonti si aspetta ulteriori ribassi per i prossimi giorni. 


Articolo precedente

Turchia, rottame: prezzi import ancora in aumento, si rafforza il mood rialzista

28 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame “deep sea” in rialzo nell’ultimo scambio col Regno Unito

25 nov | Rottame e materie prime

Pakistan: inversione di tendenza per l’import di rottame, scambi ancora in calo

23 nov | Rottame e materie prime

India, rottame: prezzi import in calo, molta attività per anticipare l'inversione di tendenza

23 nov | Rottame e materie prime

Stati Uniti, rottame: previsti prezzi stabili o al ribasso per dicembre

23 nov | Rottame e materie prime

Rottame, Turchia: i prezzi franco Baltico resistono al trend ribassista, potrebbero portare a un aumento

21 nov | Rottame e materie prime

Pakistan: in aumento l’import di rottame a ottobre

21 nov | Notizie

India: modificate le tariffe su import ed export

21 nov | Notizie

Turchia, prezzi in calo nel mercato locale del rottame

18 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame franco USA in discesa a 339,5 $/t CFR

18 nov | Rottame e materie prime