Rottame: negli USA qualcuno prevede diminuzioni di prezzo

venerdì, 16 luglio 2021 11:22:26 (GMT+3)   |   San Diego
       

Negli Stati Uniti, il fatto che i prezzi del rottame siano rimasti invariati questo mese non è andato giù a molti commercianti locali, che lamentano alcune carenze di materiale (nello specifico per il lamierino) e ritardi negli ordini. Inoltre, sottolineano gli stessi commercianti, si continuano a registrare difficoltà a livello logistico. 

Tuttavia, per quanto riguarda il mese di agosto, si registrano pareri discordanti. Sono diversi i fattori che potrebbero influenzare i prezzi della materia prima. Da un lato, le quotazioni dei prodotti finiti continuano di settimana in settimana a rompere nuovi record, grazie alla forte domanda e alla carenza d'offerta; dall'altro, i flussi di rottame appaiono buoni. «In alcuni casi gli impianti di frantumazione stanno abbassando di 5-20 $/t i prezzi pagati alle aziende di raccolta, perché sono inondati di materiale», ha spiegato una fonte. 

Un terzo fattore da considerare è l'andamento delle esportazioni dalla East Coast degli Stati Uniti. All'inizio di questa settimana SteelOrbis ha riportato che, nell'ultimo scambio con la Turchia, il prezzo di 22.000 tonnellate di HMS I/II 80:20 è ammontato a 485 $/t CFR, in calo rispetto ai 496 $/t CFR rilevati il 7 luglio. Nel frattempo, presso i porti della East Coast, il range dei prezzi che gli esportatori pagano alle aziende di raccolta si è ampliato passando da 390-395 $/t a 385-395 $/t. 

In conclusione, non è ancora chiaro quale sarà il trend che si registrerà il prossimo mese. Tuttavia, mentre all'inizio di questa settimana diversi operatori prevedevano prezzi stabili, negli ultimi giorni è cresciuto il numero di coloro che ritengono che il mercato possa scendere anche di 20-30 $/t. 

Una fonte tuttavia ha commentato: «Basandomi sul fabbisogno delle acciaierie, faccio fatica a comprendere come esse possano spingere il mercato verso il basso. È difficile anche capire come le acciaierie possano continuare ad aumentare i prezzi del finito abbassando quelli della materia prima. Nulla di ciò che riguarda il mercato ha senso in questo momento». 


Articolo precedente

Europa, export: in aumento il rottame verso la Turchia, dai Paesi baltici a 426 $/t CFR

03 feb | Rottame e materie prime

Turchia: chiuso un accordo di rottame dall’UE a 417 $/t CFR

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia: nuovo aumento dei prezzi import del rottame, il sentiment è ancora forte

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia, i prezzi del rottame deep sea raggiungono 420-422 $/t nei nuovi accordi

31 gen | Rottame e materie prime

Il rottame europeo in Turchia sale a 414 $/t CFR

30 gen | Rottame e materie prime

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Giappone, scendono le esportazioni di rottami nel 2022

27 gen | Notizie

Rottame: in Turchia leggero aumento dei prezzi in un altro accordo dagli USA

26 gen | Rottame e materie prime

Stabile il mercato locale del rottame in Italia

26 gen | Rottame e materie prime

Rottame: Turchia acquista rottame dall’UE a 407 $/t CFR, quotazioni deep sea ancora in aumento

26 gen | Rottame e materie prime