Rottame, i produttori turchi preferiscono acquistare da regioni vicine

martedì, 26 marzo 2019 16:40:12 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Di recente, è cresciuta in modo significativo la domanda turca riferita al rottame proveniente da regioni vicine alla penisola anatolica. Per le acciaierie turche è diventato difficile trovare offerte ai prezzi desiderati, pertanto esse preferiscono non ordinare materiale dai territori d'oltremare nell'attesa di ottenere un quadro più chiaro riguardo alle loro vendite di acciai finiti. Inoltre, i fornitori delle regioni vicine alla Turchia sono in grado di offrire condizioni più vantaggiose in termini di prezzo, tempi di spedizione e pagamento. Recentemente, i produttori turchi hanno privilegiato gli acquisti di rottame proveniente dai paesi della regione adriatica, dalla Bulgaria e dalla Romania, che sono stati caratterizzati da prezzi pari a 312-314 $/t CFR. Le offerte russe relative a HMS I/II 90:10 si attestano invece a 320 $/t CFR, un prezzo troppo alto secondo gli acquirenti turchi. 

Vi sono produttori turchi che sono disposti ad acquistare rottame proveniente da territori d'oltremare, tuttavia non hanno particolare fretta di farlo e preferiscono aspettare. I fornitori di questi paesi, che non risentono di pressioni dal lato dell'offerta, stanno offrendo HMS I/II 80:20 a un prezzo di 323-326 $/t CFR Turchia. I compratori turchi, tuttavia, puntano a prezzi non più alti di 320 $/t. Tenuto conto della scarsa domanda di tondo per cemento armato, le acciaierie turche sono ancora in forte difficoltà. E non sono certo aiutate in questo momento dalle continue fluttuazioni del tasso di cambio lira turca/dollaro USA e dall'impatto delle elezioni che si terranno in Turchia alla fine di questa settimana.


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran