Rottame dall’Europa, prezzi ancora in calo nell’ultimo scambio con la Turchia

lunedì, 27 giugno 2022 09:54:15 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Come ampiamente anticipato, la tendenza al ribasso del mercato turco per il rottame di importazione è proseguita, come si è visto in un nuovo scambio di rottame con origine UE.

SteelOrbis ha appreso che un’acciaieria con sede a Iskenderun ha concluso un ordine dai Paesi Bassi per 19.500 tonnellate di rottame HMS I/II 75:25 e 2.500 tonnellate di bonus scrap  a un livello medio di 318 $/t CFR. Secondo le informazioni, il prezzo del rottame dell'HMS I/II 80:20 nell'accordo è stimato a 315 $/t CFR, 15 $/t in meno rispetto allo scambio precedente. Alcuni operatori del mercato hanno affermato che questo carico è stato offerto «in condizioni di stress», il che spiegherebbe il prezzo più basso.

Diversi fornitori europei di rottame affermano che questo livello non è praticabile per loro a causa dei costi di raccolta; è inoltre possibile effettuare vendite con livelli di prezzo più interessanti a destinazioni alternative. Per di più, in vista delle vacanze estive, la raccolta di rottame è notevolmente rallentata. Mentre alcuni fornitori affermano che se la Turchia tornasse sul mercato potrebbe non riuscire a reperire abbastanza rottame, le acciaierie turche non sono d'accordo e sostengono che il loro fabbisogno di rottame è correlato alle vendite di acciaio finito. Quasi nulla è cambiato nel mercato turco dell'acciaio finito: la domanda è ancora insufficiente per sostenere una stabilizzazione dei prezzi del prodotto o del rottame. Dato che la situazione in Turchia non sta migliorando, si prevede che i prezzi del rottame di importazione rimarranno bassi. In seguito a questo accordo con i Paesi Bassi, i fornitori statunitensi potranno ricevere offerte d’acquisto nell'ordine di 330-335 $/t CFR, ma resta da vedere se le accetteranno o meno. È noto che due carichi bulk provenienti dagli Stati Uniti sono stati venduti all'India, una destinazione insolita per questo tipo di carichi dagli USA. Inoltre, un contatto di SteelOrbis ha affermato che, nell'ultima settimana, l'India ha acquistato quattro o cinque carichi da 40.000 tonnellate ciascuno provenienti da origini quali Stati Uniti, UE e Regno Unito, che sono tradizionalmente fornitori della Turchia. Ciò si aggiunge alle precedenti transazioni avvenute tra l’UE e Cina, Bangladesh e Vietnam.

Nel frattempo, il segmento dello “short sea” è sottoposto a forti pressioni. Sebbene non ci siano stati nuovi accordi e i fornitori abbiano cercato di resistere alle basse offerte d’acquisto degli stabilimenti turchi, il nuovo accordo sul rottame dall’UE avrà un impatto sullo “short sea”. Con il rottame HMS I/II 80:20 europeo a 315 $/t CFR, il rottame HMS I/II 80:20 rumeno dovrebbe scendere sotto i 300 $/t CFR. Un fornitore bulgaro ha dichiarato che i rottami HMS I/II 80:20 con origine Mar Nero potrebbero scendere a 250 $/t CFR a breve.


Articolo precedente

Taiwan, rottame: mercato import sale ancora, la domanda di acciaio si riprende leggermente

06 feb | Rottame e materie prime

Assofermet, rottame: preoccupazioni sul costo dei trasporti

06 feb | Notizie

Europa, export: in aumento il rottame verso la Turchia, dai Paesi baltici a 426 $/t CFR

03 feb | Rottame e materie prime

Turchia: chiuso un accordo di rottame dall’UE a 417 $/t CFR

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia: nuovo aumento dei prezzi import del rottame, il sentiment è ancora forte

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia, i prezzi del rottame deep sea raggiungono 420-422 $/t nei nuovi accordi

31 gen | Rottame e materie prime

Il rottame europeo in Turchia sale a 414 $/t CFR

30 gen | Rottame e materie prime

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Giappone, scendono le esportazioni di rottami nel 2022

27 gen | Notizie

Rottame: in Turchia leggero aumento dei prezzi in un altro accordo dagli USA

26 gen | Rottame e materie prime