Mercato italiano del rottame ancora in tensione

venerdì, 13 dicembre 2019 13:00:37 (GMT+3)   |   Brescia
       

Resta in rialzo il mercato italiano del rottame, a fronte sia dell'andamento del mercato internazionale della materia prima sia della necessità da parte delle acciaierie nazionali di acquistare. La domanda appare forte, specialmente se confrontata con un’offerta ancora piuttosto ridotta; ma, secondo diversi operatori, anche perché le scorte di diversi produttori non hanno ancora raggiunto «livelli di sicurezza». Ad oggi tutte le fonti intervistate si aspettano per gennaio un ulteriore rafforzamento dei prezzi che qualcuno si è spinto a quantificare in una decina di euro. Guardando ai prezzi internazionali, l'HMS I/II 80:20 con destinazione Turchia ha fatto registrare nell'ultimo mese un rialzo di quasi il 14% sfiorando i 300 $/t CFR.

Attualmente sul mercato italiano le quotazioni del rottame si collocano mediamente sui seguenti livelli:

 Qualità 

 Prezzo spot  

 Torniture (E5) 

210-215

 Demolizioni (E1/E3) 

230-240

 Frantumato (E40) 

245-255

 Lamierino (E8) / Palabile (E8C)

245-255 / 260-270

Prezzi espressi in €/ton, compreso trasporto, IVA esclusa.

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

Tondo, il prezzo fatica a crescere in Italia

Ulteriori aumenti di prezzo sul mercato europeo dei coils a caldo

Automotive, UNRAE e Federauto chiedono il prolungamento degli incentivi

ArcelorMittal chiede il prolungamento della cassa integrazione con causale Covid-19

Rottame, lieve aumento dei prezzi sul mercato italiano