Ghisa, pressioni ribassiste sulle offerte dai paesi CIS

mercoledì, 28 novembre 2018 11:22:46 (GMT+3)   |   Istanbul
       

I prezzi della ghisa proveniente dai paesi CIS hanno continuato a tendere al ribasso nell'ultima settimana: essendo calati di 5 dollari, sono attualmente pari a 360-370 $/t FOB. I prezzi delle materie prime, dopo essere rimasti su alti livelli nonostante il calo dei prezzi dell'acciaio, hanno cominciato ad indebolirsi nell'ultima settimana. In particolare, le quotazioni del rottame sono calate a causa delle pressioni ribassiste esercitate dai compratori, nonché della significativa diminuzione dei prezzi del minerale di ferro all'inizio di questa settimana. Intanto, fonti hanno evidenziato che, a causa delle tensioni tra Russia e Ucraina nello stretto di Kerč', le spedizioni di acciaio e ghisa attraverso il mar d'Azov potrebbero subire ritardi o, se la crisi si accentuasse, interrompersi completamente. 

Nel frattempo, i prezzi della ghisa acquistata in Italia si attestano a 390-395 $/t CFR, mentre negli Stati Uniti sono stati conclusi acquisti a 375-385 $/t CFR. Ciononostante, i compratori statunitensi stanno mantenendo perlopiù un atteggiamento attendista. I fornitori brasiliani hanno già completato gli ordini per il 2018 e hanno intenzione di alzare le loro offerte. Di conseguenza, i compratori statunitensi non sono propensi ad acquistare e al momento si limitano monitorare l'andamento del mercato globale. 


Ultimi articoli collegati

Ghisa, i produttori CIS alzano i prezzi

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nel primo trimestre

Cresce l'export brasiliano di ghisa ad aprile

Ghisa, buone le vendite dall'Ucraina verso gli USA

Ghisa: gli Stati Uniti tornano ad acquistare