Ghisa: fornitori ottimisti nonostante le criticità

venerdì, 22 ottobre 2021 11:21:44 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Uno scambio avvenuto tra Brasile e Stati Uniti a inizio settimana ha avuto un effetto a catena sul mercato mondiale della ghisa. I fornitori in generale hanno intensificato i loro sforzi per ottenere prezzi più alti, supportati dal trend rialzista di rottame e carbone nonché dalla carenza di materiale. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un carico di ghisa basica (BPI) proveniente dal Brasile è stato venduto a un importante produttore siderurgico statunitense al prezzo di 500 $/t FOB, con spedizione a gennaio. Considerato un tasso di nolo di 50 $/t e i costi finanziari, il prezzo CFR ammonta a circa 555 $/t CFR porto di New Orleans. «Questo livello è estremamente basso, tenendo conto degli ultimi sviluppi nei mercati delle materie prime» ha commentato un produttore di ghisa della regione CIS. In articolare, all'inizio di questa settimana un produttore russo puntava a un prezzo di 570 $/t CFR New Orleans. Nel frattempo, altri player hanno avanzato l'ipotesi che il prezzo nello scambio dal Brasile sia stato fissato all'inizio delle trattative (presumibilmente alla fine della scorsa settimana) e quindi non rifletta gli ultimi sviluppi a livello globale. «Per me significa che le prospettive di mercato per gennaio non sono così brillanti come altri credono», ha affermato un produttore indiano. Nel frattempo, i fornitori dei paesi CIS hanno mantenuto un atteggiamento rialzista nelle offerte, principalmente per via della carenza di materiale. Tuttavia, secondo quanto riferito a SteelOrbis, i fornitori in questione avrebbero addirittura volumi per le spedizioni di novembre. In generale, mentre alcuni fornitori preferiscono conservare il materiale in attesa di un ulteriore rialzo dei prezzi, altri hanno continuato a testare il mercato con delle offerte piuttosto alte, tra i 600 e i 650 $/t FOB Mar Nero, cioè in rialzo di 70-120 $/t rispetto agli ultimi prezzi accettati dai compratori. «Una situazione piuttosto tesa legata alla disponibilità di rottame di prima qualità, in particolare, spingerebbe le acciaierie europee ad aumentare il consumo di ghisa. Abbiamo già notato un incremento delle richieste», ha fatto sapere un produttore di ghisa ucraino, aggiungendo: «La storia è diversa nel mercato USA, dove i clienti hanno ordinato materiale prima dell'introduzione del dazio russo sulle esportazioni, a prezzi molto più bassi di adesso». Un ulteriore supporto ai fornitori di ghisa nelle vendite in Europa proverrebbe dalla crisi energetica. Nello specifico, a causa dell'esplosione dei prezzi del gas naturale, che viene utilizzato nella produzione di DRI, le acciaierie europee potrebbero decidere di ordinare ghisa anziché produrre DRI. 

Nel frattempo, la domanda di ghisa in Cina è rimasta scarsa a causa della forte differenza tra offerte e richieste di prezzo. Dopo il recente crollo dei prezzi dei future nel paese, la situazione è peggiorata ulteriormente. Mentre a inizio settimana i clienti cinesi erano disposti ad ordinare materiale a 560-570 $/t CFR, più recentemente alcune fonti hanno iniziato a riferire di prezzi tra i 525 e i 540 $/t CFR. «La situazione in Cina è pessima al momento – ha detto un trader asiatico –. Anche se Shagang ha ordinato un carico dal Brasile, nessun altro sta comprando al momento».

A Taiwan la situazione in termini di domanda sembra leggermente migliore. SteelOrbis ha appreso di alcune posizioni per carichi di ghisa brasiliana vendute dai trader a 600-605 $/t CFR. 

Infine, i fornitori di ghisa indiani non sembrano aver fretta di vendere all'estero poiché stanno godendo di una buona domanda interna. I prezzi sul mercato indiano hanno raggiunto i 600-610 $/t secondo alcune fonti. 


Articolo precedente

Giappone: output di acciaio grezzo in aumento a ottobre su base mensile

25 nov | Notizie

Ucraina, Metinvest: calo del 65% nella produzione di ghisa nel periodo gennaio-settembre

22 nov | Notizie

Germania: produzione di acciaio grezzo in calo nel periodo gennaio-ottobre

21 nov | Notizie

India: modificate le tariffe su import ed export

21 nov | Notizie

Ghisa basica, prezzi ancora in calo in Turchia

21 nov | Notizie

Turchia: importazioni di ghisa in aumento nel periodo gennaio-settembre

16 nov | Notizie

Cina, produzione di acciaio grezzo in calo nei primi dieci mesi dell’anno

15 nov | Notizie

Ghisa: prezzi globali sempre più sotto pressione

14 nov | Rottame e materie prime

Brasile, export ghisa in calo a ottobre

09 nov | Notizie

Ghisa basica: le offerte di acquisto più aggressive arrivano dagli Usa

03 nov | Rottame e materie prime