Ghisa: acquisti da panico spingono verso l'alto i prezzi globali

venerdì, 11 marzo 2022 18:45:47 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Le crescenti preoccupazioni per la carenza di forniture di ghisa basica (BPI) a causa della guerra in corso in Ucraina hanno continuato a stimolare le offerte da fonti alternative. Tuttavia, poiché si parla della disponibilità di offerte dalla Russia e di alcuni scambi con la Turchia effettuati questa settimana, l'esclusione della ghisa russa dall'offerta globale sembra essere de iure, ma non de facto. In particolare, un carico di 10.000 tonnellate di ghisa russa con spedizione ad aprile sarebbe stato scambiato con la Turchia questa settimana a 770 $/t FOB. I dettagli della transazione non sono stati resi noti al momento della pubblicazione, tuttavia, secondo gli addetti ai lavori, il materiale potrebbe essere stato prodotto da NLMK o Tula. «I russi hanno ricominciato a offrire dicendo che possono spedire – ha affermato un importante trader internazionale –. La navigazione nel Mar d'Azov è stata riaperta ieri, anche se resta il dubbio su chi comprerà da loro nelle attuali circostanze. Le aziende che godono di un'alta reputazione non toccheranno nulla che provenga da lì». Un trader europeo ha detto «la Turchia sembra essere l'unico sbocco possibile per la ghisa di origine russa in questi giorni, ma immagino che anche lì debba essere complicato riceverne». 
Un carico di 20.000 tonnellate di ghisa dall'India è stato venduto in Turchia a 860 $/ton CFR. Nel frattempo, secondo numerosi rapporti provenienti da fonti affidabili, i clienti turchi sarebbero pronti a pagare 1.000 $/t CFR per BPI con pronta spedizione. «Stavo lavorando a un'indagine sui container per la Turchia, ma al giorno d'oggi i noli sono molto alti, non realizzabili anche con offerte d'acquisto così alte», ha affermato un trader indiano. Sono state riportate offerte per ghisa basica proveniente da India a Taiwan a 845 $/t CFR. A conti fatti, le offerte per l'export dall'India si sono attestate per lo più a 800 $/t FOB, considerate le attuali tariffe di nolo. Sono circa 200 $/t in più rispetto ai prezzi di fine febbraio.

Nel frattempo, un fornitore brasiliano di ghisa basica è riuscito a vendere un carico di 50.000 tonnellate con spedizione a giugno al prezzo target iniziale, ovvero a 850 $/t FOB, in rialzo di 150/t rispetto a una transazione effettuata una settimana fa. Non è stata resa nota la destinazione della spedizione in questione. All'inizio di questa settimana, della ghisa brasiliana a basso contenuto di manganese e con lo 0,08% di fosforo è stata scambiata a 830 $/t FOB da un porto del nord del Brasile. La ghisa nodulare proveniente dal Brasile è stata scambiata questa settimana a 900 $/t FOB con destinazione Europa e con un trasporto stimato in circa 45 $/t. Scambi di piccoli lotti di ghisa destinati alle fonderie europee sono stati caratterizzati da prezzi superiori ai 1.000 $/t CFR. 

Nelle circostanze attuali, non è escluso che i compratori di ghisa a livello globale inizino a importare materiale dalla Cina nel prossimo futuro. Considerato che le quotazioni in Cina si attestano a 687 $/t e che il dazio all'esportazione si attesta al 20%, per alcuni clienti i prezzi cinesi potrebbero risultare accettabili. Tuttavia, finora non è stato registrato alcuno scambio. «Penso che presto la Cina esporterà ghisa. I fornitori qui approfitteranno degli elevati internazionali», ha detto un importante trader cinese. Tuttavia, secondo un trader europeo, le possibilità che la Cina esporti ghisa appaiono scarse a causa di difficoltà legate a ispediozin doganali e altre formalità, «tuttavia, con il mercato che diventa sempre più folle giorno dopo giorno, non me la sento di escludere alcuno sviluppo».


Articolo precedente

Assofermet, rottame: preoccupazioni sul costo dei trasporti

06 feb | Notizie

Turchia, ghisa: import in aumento nel periodo gennaio-novembre

26 gen | Notizie

Germania, in calo la produzione di acciaio nel 2022

24 gen | Notizie

Giappone, in calo la produzione di acciaio grezzo a dicembre

23 gen | Notizie

Ucraina, ghisa: in aumento le esportazioni a dicembre

19 gen | Notizie

Cina, acciaio grezzo: produzione in calo nel 2022

17 gen | Notizie

Assofermet, rottami: cauto ottimismo per il nuovo anno

12 gen | Notizie

Brasile, ghisa: export in aumento a dicembre

12 gen | Notizie

Brasile, ghisa basica: gli esportatori puntano a prezzi più alti nelle prossime trattative

22 dic | Rottame e materie prime

Germania: produzione di acciaio grezzo in calo periodo gennaio-novembre

22 dic | Notizie