Turchia: le elezioni continuano a pesare sulla domanda di coils a caldo

venerdì, 05 aprile 2019 09:37:18 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La domanda di coils laminati a caldo (HRC) è rimasta debole in Turchia nell’ultima settimana. I compratori hanno continuato a rimandare gli acquisti anche dopo le elezioni amministrative dello scorso 31 marzo, dal momento che hanno iniziato a monitorare la domanda degli utilizzatori finali e l’andamento del tasso di cambio lira turca/dollaro USA. Il clima elettorale non si è ancora spento in Turchia a causa dell’incertezza dei risultati in alcune regioni e del riconteggio dei voti in corso in alcune città, pertanto il mercato resta silenzioso. In queste circostanze, i produttori locali hanno lasciato invariati i prezzi degli HRC, ossia pari a 520-540 $/t franco produttore.

Fonti di mercato hanno riferito che il trend della domanda degli utilizzatori finali dovrebbe risultare più chiaro non appena i risultati elettorali saranno confermati; a quel punto, i compratori dovrebbero tornare ad acquistare sulla base della domanda degli utilizzatori.

La domanda è rimasta debole anche sul mercato spot, dove i commercianti non hanno modificato le proprie offerte nell’ultima settimana.

 Prodotto

Prezzo ($/t)

Eregli

Gebze

 HRC 2-12 mm

550-560

560-570

 Fogli laminati a caldo 1,5 mm

590-600

595-625

 HRC 2-12 mm (grossi volumi)

 

540-550

 Laminati a caldo passivati e oliati 3-12 mm

580-590

620-630


Ultimi articoli collegati

Taranto, esplosioni nell'Acciaieria 2 di ArcelorMittal Italia

Cina: prezzi del ferromanganese sul mercato locale – settimana 4

Malaysia: dazio definitivo sulle importazioni di tondo da Singapore e Turchia

Gruppo cinese Cedar Holdings acquisisce Stemcor

ArcelorMittal Gent, da settembre forno fermo per manutenzione