Turchia: clima sempre più negativo nel mercato dei coils a caldo

giovedì, 24 maggio 2018 16:56:31 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell'ultima settimana la domanda di coils laminati a caldo (HRC) è rimasta bassa in Turchia dal momento che i compratori continuano a rimandare ogni acquisto a causa del Ramadan, dell'approssimarsi delle elezioni presidenziali e del previsto calo dei prezzi internazionali degli acciai piani. I produttori locali, rispetto ad una settimana fa, hanno ridotto i prezzi di 5-10 $/t, a 580-600 $/t franco produttore. Secondo le fonti, è improbabile che la domanda mostri una ripresa prima delle elezioni del prossimo 24 giugno.

Intanto, nelle regioni di Eregli e Gebze, i commercianti offrono HRC a prezzi tra i 600 e i 630 $/t franco magazzino, cioè in calo di 10 dollari rispetto a sette giorni fa. Anche a valle le attività sono in stallo e alcuni venditori hanno sospeso le vendite dopo il forte deprezzamento della lira turca.


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, pressioni ribassiste sulle offerte dei produttori turchi

Coils a caldo, crescono le offerte da Europa e India verso la Turchia

Dalbeler (Colakoglu): gli esportatori turchi cercheranno nuovi mercati 

Turchia: importazioni di coils a caldo in calo nei primi quattro mesi

Coils a caldo, crescono gli acquisti da parte dei compratori turchi